accedi   |   crea nuovo account

Presagi

Arcana, vana
tenerezza umana,

mia madre tremante
calze di lana
golfino rosso

mi indica
nel giardino, saltellante
un pettirosso


nel mio sogno
un vitellino per la notte intera
prima del macello
voleva toccare la madre accanto

quasi sapesse del giorno dopo
il suo destino
il pianto.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • sara rota il 18/05/2007 15:04
    I primi versi mi evocano la vita dei contadini, sempre in campagna, vestiti di quel poco che hanno, ma felici; la seconda parte mi esprime allegria, mentre la fine indica prorpio la misera fine... Ben scritta
  • mariella mulas il 02/04/2007 09:52
    Toccante e fatalista.
    Il solo fatto che si nasce, purtroppo indica poi l'inevitabile presagio della morte!
  • luigi deluca il 04/03/2007 19:41
    Il vivere in città, ci fa dimenticare "il silenzio degli innocenti", ma domani, agnello e patate, una bestemmia, e via di nuovo sulla giostra!(parlo per me, ovviamente, si legge dalle tue opere la tua estraneità a questo mondo ineluttabilmente crudele)
    ciao, gigi
  • Francesca Lamanuzzi il 17/02/2007 15:06
    Complimenti quasi uguale a un'opera fatta da uno dei nostri grandi poeti italiani... lascia capire il messaggio ma allo stesso tempo va letta con attenzione! Passa a leggere le mie opere se vuoi!
  • Duccio Monfardini il 07/02/2007 01:54
    non è il mio genere ma nonostante questo mi è piaciuta. quindi deduco che debba essere bellissima. ciao, duccio.
  • augusto villa il 06/02/2007 14:38
    Bella, commovente.
    Ciao, Augusto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0