username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Chillu journ - 2 maggio 1969

Chillu juorn je dicètt: - “Song pront, vogl’ascì,
arapìtl ‘sta port ca sinò pozz murì!”.

Co curdon ormaje tagliat e o culill tutt a’ for
me truvaje miez a na stanz, uh Gesù nuvrev ’ll’ora.

Vuttaje n’uocchje e po’ nu strill vers a ‘ggent tutt’attuorn
e capètt ca ‘cchiù o men s’era fatt miezjuorn.

- “Si, sta ‘bbuon, è masculill, è bellill stu criatur!”-
alluccaje allèr o miereco a mammà ancor annur.

Quann tutt fuje passat e ammuina po’ frnnètt,
dint ‘e ‘bbraccia e i vas suje mamma mia m’annascunnètt.


Miez o cavr do piett, ll’uocchje e a faccia le guardaje,
‘nfìa ca nascj comm è mammta è na cosa ca nunzaje!

Cu nu sguard fiss e luong ce tenettemo abbracciati,
uocchje e uocchje, stritt stritt, ra ‘ddoje lacreme abbagnat.

E parient cu ‘ll’amici, tutt quant ormaje present!
E o duttor assaje ‘ncazzat: - “Ma crè tutta ‘sta ‘ggent?!”.

Cu na zizz semp ‘mmocc, tra nu suonn e na resella,
je crescev, overament, ogni juorn assaje ‘cchiù bell!

- “Piscitiello e mamma soja!”- me chiammavan int’a casa
e cantann chesta nonna me ttiravan p’o nas.
Fujono bell’ anni felici, mis, juorn o vèr car,
c’ accattarl a un a un nunn’abbasteno denar.

Mò so gruoss, so crisciut, song n’omm ormaje già fatto,
è luntan o tiemp r’oro ca da zizz scenn o ‘llatt.

Ma da cas, almen a mia, song semp o piscitiello,
che ’mport si so gruoss, ca l’età nunnè ‘cchiù chell?

12

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • sabrina balbinetti il 14/07/2008 22:29
    adoro il napoletano... hai reso bene l'idea... hai dipinto con le parole gli attimi della tua nascita! mi piace.
  • ashanti x il 10/02/2007 14:24
    Molto gradita, una bella immagine che ci accomuna. Rivedrei però la scrittura del dialetto
  • mita non importa il 07/02/2007 09:13
    bella l'idea di scrivere una poesia sul momento della tua nascita! Il fatto poi di averla scritta nella lingua con cui sei cresciuto, che ti è più vicina e familiare, la riempie di sentimenti di nostalgia e tenerezza!
  • alberto accorsi il 06/02/2007 21:29
    Sul piano formale mi pare proprio una bella impresa. Se permetti trovo però sia un luogo comune identificare fanciullezza e spensieratezza.
  • Antonio Izzo il 06/02/2007 14:14

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0