accedi   |   crea nuovo account

Poesia per Alda Merini

Quali colombe siamo?
Da quali sogni
le nostre ali son forgiate?

Se la smunta pienezza
è sfondo dell'animo nostro,
e il cielo stellato è un insieme
di aneliti illusi,
la penna,
stretta nel pugno,
è anima in petto.

Corre l'inchiostro
nelle cupide vene,
gonfie
di viva poesia,
corre l'inchiostro,
mal letto e incompreso,
corre
e lo chiaman pazzia.

Ogni poeta
fa guerra al dolore,
combatte la gioia,
si oppone al destino.
Ogni poeta
è uno spirito solo,
sorda colomba,
eterno conflitto.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Gabriella Salvatore il 04/05/2010 22:35
    Riflessione vera e profonda sul poeta, nel ricordo di una "grande donna". Complimenti, molto bella!
  • laura marchetti il 04/05/2010 20:30
    penso che la Merini sarebbe stata felice di questo tuo omaggio, scritto con bravura e con il cuore
  • loretta margherita citarei il 04/05/2010 19:28
    bella e doverosa dedica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0