username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Luce

Dormo da sempre.

Nelle stanze conosciute non ho paura,
mi so muovere al buio.
Ho un letto con lenzuola di ghiaccio
ed una coperta di freddo
dove mi congelo il sangue
così che non possa graffiarmi
nel suo scorrere interno.
Ho lasciato aperto uno spiraglio
tra le persiane del mio universo.
Una fessura
che proietta la vita dall'esterno
dritta nelle mie pupille e vedo.
È più ombra che luce,
distinguo a fatica.
Guardo solo un po'
poi chiudo gli occhi di nuovo
e proseguo nel sonno.
Ho intravisto una volta strade
come linee soffuse,
dove temeraria ho cercato invano
risposte
alle mie domande confuse.
Nelle strade degli altri
non sorge il mio cuore,
sconfitta ho rimesso via
il mio vestito da viaggio.
È di luce il mio estremo bisogno,
ma lo spiraglio è stretto
e non consente l'abbaglio, quindi
non mi si può illuminare.
Per impedirmi il buio totale
al soffitto appendo candele,
lumi di sogni sospesi,
penombre nel tempo.
Pur non volendo,
ho attimi di cedimento,
e spio
indossando occhiali d'orgoglio.
Non ricordo
il motivo
per cui sto dormendo.
Nell'alba di un sogno diverso
mi armo di coraggio
e accenno un disegno.
Un po' di caldo
chiedo a me,
per me.
Cerco nel cassetto.
Una matita per disegnarmi,
io e il mio sentiero anche se non so
dove conduce.
Poi, un solo fiammifero
per incendiarmi,
affinché io possa svegliarmi.

Con la mia luce.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 23/12/2010 12:53
    Il peggio è passato.
    La guarigione è vicina.
    Un anno pieno di luce, Rosanna.
  • vincent corbo il 17/09/2010 11:50
    Questa è una delle più intense e sofferte, un intricato disegno di Rosanna e di ciò che la circonda.
  • Anonimo il 07/05/2010 17:21
    Superlativa!!!! Non servono altri aggettivi! Brava!
  • Anonimo il 07/05/2010 14:02
    Riprendi il vestito da viaggio, comunque sia non perderai che le tenebre. E se poi il cammino sarà al buio, almeno i nuovi luoghi non avranno il sapore del conosciuto. Rischiare vale sempre il fallimento, col vantaggio che un giorno la luce di cui vuoi abbigliarti potrà arrivare dal più grande candelabro appeso al cielo
  • Anonimo il 07/05/2010 12:35
    Se vedi uno spiraglio di luce, rinascerai prima o poi a nuova vita. ciao
  • Salvatore Ferranti il 07/05/2010 12:33
    una poesia a dir poco emozionante... sei brava
  • luciano tagliapietra il 07/05/2010 10:01
    Ti prego apri le finestre e fai entrare un po' di luce in quella stanza buia e fredda, così non puoi roderti dentro ha bisogno di danzare di scaldarti di sentirti viva di afferrare la vita che ti aspettata chi sa con quali sorprese.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0