username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il costante invito

Intendere
l'assenza

Volerla ospitare come amante
deliziosa
crearle una tana confortevole
perché s'innesti prendendo parte
alla fioritura di un finto sonno
coccolarla
tra le ortiche dei non gesti
che la rendono diffidente
saziarla dalla fame d'esistere
nelle notti ovattate di suoni grevi
e familiari

Portarla al collo come amuleto di stagno
duttile e sottile manipolarla
tenerla in braccio quando s'ubriaca di spine
per combattere l'opprimente peso dell'ombra aguzza
dei suoi specchi

Invidiarne l'assoluta capacità circolatoria
l'aggravante del passare d'ore
il movente del non bisogno
il delitto dell'intesa in un contrasto
le esequie criptiche in una ostentata disobbedienza

Il costante invito
del ricordo in agonia
non riesce a divenire
sua vittima
e ostinatamente
le porta un fiore
e la fa ballare allo sfinimento
fino al prossimo
inevitabile
abbandono

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Anonimo il 03/06/2010 12:44
    Nessuno ci può appartenere, ma come dici tu possiamo amare, anche chi non ci è vicino...
  • laura cuppone il 03/06/2010 12:40
    l'assenza é densa tanto quanto la presenza...
    sai Cristina, a volte ho pensato che qualcuno mi appartenesse davvero quando non era.. mio.
    la libertà d'amare.. o no, di pensare.. o no...
    l'assenza non disturba il nervo ottico... ma acceca.

    grazie a te e a tutti!
    Laura
  • Anonimo il 03/06/2010 12:28
    Difficile questa poesia, ma carica di fascino.
  • Anonimo il 12/05/2010 10:48
    poesia molto particolare, profonda, complicata, ma capita, e sentita molto... bella...
  • Federica. il 11/05/2010 21:39
    Molto bella anche per me, sopratutto la parte finale
  • augusto villa il 09/05/2010 17:22
  • laura cuppone il 08/05/2010 09:20
    l'assenza é identificabile nel tempo
    come un'ombra che ti sta accanto silenziosa
    e sostituisce quasi il vuoto di qualcosa, qualcuno
    essendo essa stessa.. quel vuoto..
    ma é come prendesse sembianze... e ci difendesse dal
    niente.


    vi ringrazio infinitamente.
    Laura
  • denny red. il 08/05/2010 01:33
    brava! laura. una poesia ben scritta!! tutto al posto giusto, che dire.. è poesia!!
    Splendida!!
  • terry Deleo il 07/05/2010 20:59
    Non c'è molto da commentare...
    Stupenda.
    terry
  • Alfa Alfa il 07/05/2010 20:20
    cosa dire... misteriosa Laura... i bravi migliorano... gl'artisti fanno capolavori... Grazie ed un saluto d'acciaio dalle mie stanche braccia
  • Anonimo il 07/05/2010 19:05
    La chiusa è emozionante.. Brava Laura
  • B. S. il 07/05/2010 18:31
    Sei sempre
    SUPERLATIVA
    un abbraccio.
  • loretta margherita citarei il 07/05/2010 17:15
    meravigliosa
  • Anonimo il 07/05/2010 17:14
    Versi struggenti, sembra una poesia d'altri tempi! Sei bravissima Laura, i miei complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0