username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La terra che calpesti

Viandante io cercator
della tua aria,
della bellezza tua incantevole,
della carne tua il calore
e della terra che calpesti.
Veritiere e tangibili
colorate sensazioni.
Raggelo al pensiero
del tuo avvento
e dell'odor della terra che calpesti.
Ma intanto sto a perdermi
per sinistre taversie
che in grembo hanno la morte.
Sogno di eluderle...
come un pupo ranicchiato
sulla terra che calpesti.
Ad ogni tuo dove
sarò là io a mani giunte
a venerarti, illesa venere...
qualunque sia la terra che calpesti

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Angelo D'Onofrio il 27/04/2011 01:13
    angela, troppo gentile
  • angela testa il 28/03/2011 08:32
    bella è intensa...
  • Angelo D'Onofrio il 24/05/2010 23:37
    ignis... grazie del commento
  • Aedo il 23/05/2010 12:47
    Una poesia d'amore molto sentita. Bravo!
    Ignazio
  • Angelo D'Onofrio il 08/05/2010 14:29
    grazie di essere passato e per aver commentato, vincenzo.
  • Angelo D'Onofrio il 08/05/2010 14:29
    Antonino... come al solito... sei troppo generoso ... grazie del commento
  • vincent corbo il 08/05/2010 11:30
    Una intensa composizione, molto ben scritta.
  • Anonimo il 07/05/2010 19:04
    Un vero poeta. Bravo Angelo 5 stelle

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0