username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Carezza d'angelo

Carezza d'angelo
la tua mano
madre
mi sfiora ancora
e mi regala
attimi di cielo.

Ora
madre
sai d'immenso e d'eterno.
Ora
hai vinto il dolore
hai distrutto il male
hai cancellato l'errore
hai capito
hai perdonato.

Ma io
madre
non so vincere
non so distruggere
non so cancellare
non so capire
non so perdonare...

Carezza d'angelo
la tua mano
madre
mi sfiora ancora...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

25 commenti:

  • Cesira Sinibaldi il 17/08/2011 20:53
    Grazie, Bruno!
  • Bruno Briasco il 17/08/2011 18:02
    va bene così?
  • Cesira Sinibaldi il 02/07/2011 19:20
    Grazie a tutti!
  • Anonimo il 04/03/2011 17:08
    Molto bella questa poesia che parla della mamma. Nn sai pero sai amare come solo una figlia ama la propria madre. Versi che mi hanno molto presa, sei brava, complimenti sinceri.-
  • Daryl il 04/03/2011 11:27
    Bella! Un ritmo perfetto che aumenta la veridicità dei sentimenti trasmessi!!!
  • Cesira Sinibaldi il 14/02/2011 13:00
  • Dino Borcas il 14/02/2011 12:38
    non volevano essere proposte di modifica, ma solo il mio punto di vista,
    scusa se l'ho espresso male...,
    soprattutto nella poesia, come ti dicevo, ognuno ha le sue sensibilità...
    ciao, Dino
  • Cesira Sinibaldi il 14/02/2011 08:14
    Grazie, Dino, ma le modifiche da te proposte andrebbero a spezzare un ritmo raggiunto dopo notevoli prove. Sai che ciò che appare semplice è frutto di estenuanti prove e riprove. Non scambiarle per fisse.. Non posso priprio accontentarti, né condividere, ma ti ringrazio ancora per l'attenzione riservatami.
  • Dino Borcas il 14/02/2011 01:21
    "sai d'immenso e d'eterno" è più lungo rispetto agli altri versi, lo dividerei in 2, andando a capo con "e d'eterno",
    oppure lascerei solo: "sai d'eterno", due assoluti assieme mi sembrano un po' eccessivi...

    Trasformerei l'ultima parte, che ripete la prima, in:
    Carezza d'angelo
    mi sfiori ancora.

    Ma ogni scrittore ha le sue fisse e gusti...
  • Anonimo il 20/01/2011 15:05
    Si cerca di assomigliare a un genitore quando si piange la sua scomparsa, ma il confronto spesso non regge.
    Piacevoli versi.
  • Adamo Musella il 28/11/2010 21:41
    Invisibili e sempre presenti le persone care. molto intensa Cesira. baci.
  • Salvatore Ambrosino il 03/10/2010 18:01
    nella sua semplicità, molto apprezzata
  • Cesira Sinibaldi il 26/08/2010 13:38
    Grazie, Ivan, il tuo giudizio mi lusinga!
  • Ivan Bui il 26/08/2010 10:27
    ... sinceramente bellissimi. Semplici e complessi, trasparenti e criptici. Poesia vera.
  • Cesira Sinibaldi il 03/06/2010 20:52
    Commento più dettagliato, tecnico e benevolo non potevo sperare. Io mi occupo di narrativa e poco di poesia, ma quando me ne scappa una decente certamente sono versi semplici, perché la complessità vado a cercarla, se riesco, nell'idea portante. Non ho messo la maiuscola, è vero, ma è implicita nella contestualità. Grazie di cuore! Andrò a leggere i tuoi lavori con piacere.
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/06/2010 19:57
    Questi versi, in apparenza sintetici e sommari, sono una dettagliata analisi delle virtù materne. Il loro vigore è di per se già supportato dai primi tre versi "Carezza d'angelo la tua mano madre". È una <Carezza d'angelo>la mano di una Mamma, come giustamente la definisce Cesira Sinibaldi che ne conosce bene il significato. Il termine deriva dal latino carus (diletto, amato) e da greco chàris (grazia), concetti ancora più validi di quelli a noi noti. Si aggiunge l'eccellenza del verso "Madre sai d'immenso e d'eterno" che si commenta da se e il susseguirsi delle attribuzioni alla sua grandezza. Commuove il senso di nullità che la Sinibaldi si accolla di fronte a ciò che una Madre può dare e la sua ammissione di inefficacia per non saperla adeguatamente emulare. Mentre posso affermare di aver veramente gradito questi versi, devo altresì far notare che avrei scritto col la maiuscola il termine "Madre", come abitualmente faccio da una vita.
  • Cesira Sinibaldi il 14/05/2010 23:31
    Grazie, un abbraccio a te, Fabrizio!
  • Anonimo il 14/05/2010 21:07
    Pesia dolcissima, Cesira.
    Hai assaporato la dolcezza d'una carezza d'Angelo, lieta esperienza... un abbraccio, cara amica
  • rea pasquale il 12/05/2010 08:57
    Anche le persone mature, hanno bisogno di quella carezza.
    Molto bella.
    Ciao
  • Donato Delfin8 il 11/05/2010 12:48
    Intensa.
    Dolcissima.
  • angela ambrosini il 09/05/2010 08:55
    piaciuta
  • loretta margherita citarei il 09/05/2010 05:58
    dolce e triste, bella
  • Aedo il 08/05/2010 23:49
    Un rapporto d'amore intenso, cui si contrappone una riflessione introspettiva sulla propria condizione di vita. Bravissima!
    Ignazio
  • Cesira Sinibaldi il 08/05/2010 23:18
    Grazie, Roberto, io ancora non ti ho apprezzato, ma lo farò presto.
  • Anonimo il 08/05/2010 22:40
    Verrà il tempo in cui anche tu sarai capace della stessa forza d'amore e tutto sarà più semplice, poesie intensa apparentemente semplice ma molto complessa denota un carattere forte ma forse solo in apparenza.
    Bella apprezzata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0