PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel vento

Pudiche ballerine
muovono i passi
fra tutù di bianchi pon pon,
si travestono
in boa di lap dance,
poi cambiando il vento,
cambia la musica
e si lanciano
in vorticosi giri di can can.
Sparsi per il mondo
in cerca di ebbrezza,
figli staccati dai rami,
genitori che restano lì, fermi
ad osservare quel volo,
destinati ad andare lontano,
non c'è speranza per chi resta.
Li vedi persi, sognanti
a cercare il destino nell'aria
nel vento,
mani, si aggrappano,
illudendo di trovare la terra
finiscono
fra il cemento di una città,
sotto i piedi di una ferrovia,
ingoiati dalla loro stessa voglia di vita,
fra bagliori di speranze,
timidi tentativi di danze,
fra incomprensioni di chi ha già
un suo spazio, destini segnati
in partenza.
Mentre c'è chi già non li capisce
e li respinge,
vittima di una sorta di allergia
la chiaman da pollini...
Chissà se la natura
avrà l'allergia
da uomini...

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • denny red. il 10/05/2010 03:25
    ottima! laura.. sempre un piacere leggerti!
  • Fabricio Luiz Guerrini il 09/05/2010 18:18
    Per la Natura siamo fastidiose zanzare, per un po' ci lascia fare, ma ogni tanto riceviamo potenti colpi di coda.
  • tania rybak il 09/05/2010 15:02
    belle riflessioni sulla natura e mi viene in mente anche l'emigrazione, che fa venire molta allergia ai politici e anche a molte persone comuni, ma in fondo tutte due, sia la natura, sia i clandestini, sono destinati andare lontano, perché sui rami non C'è speranza per chi resta, bellissima, 100000000000 stelle
  • Anonimo il 09/05/2010 13:46
    Probabile Laura... forse ci buttano più polline apposta... così ci allontaniamo!!
    Arma di difesa...
    bella riflessione, grazie...

  • Elisabetta Fabrini il 09/05/2010 10:40
    credo di si... visto come la maltrattiamo... sei bravissima Laura!
  • loretta margherita citarei il 09/05/2010 10:00
    simpatica, ma ti giuro però che a me il tiglio e l'acacia mi fanno morire, vado avanti ad antistamitici

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0