accedi   |   crea nuovo account

Cancro

Lo chiaman come un segno dello zodiaco,
ma non è gentile.
Parlar di lui, nessuno vuole farlo,
magari serve per esorcizzarlo.
Evoca spettri, fantasmi di paure, di dolore
di passione,
ma forse è lui che ha paura della prevenzione.
Salta addosso e si impossessa del corpo
e della dignità.
Non ha pietà, di nessuno neanche della tua disperazione
che si trasforma sempre in muta rassegnazione.
La chiaman terapia del dolore,
per alleviare le sofferenze di chi non ha speranza,
ma non quelle di chi resta accanto,
fingendo normalità dietro ad una spenta, disperata,
inutile ribellione.
Speranza, flebile resta, candela accesa,
ad un vento che impietoso soffia
Fiore reciso,
appassito, consumato, logorato in attesa di un niente,
nel ricordo di un vigore,
mio padre, mia madre, quando nel loro splendore,
mi donarono la vita.
Resta il vuoto del silenzio
e di una sconfitta,
sorretta solo da una pallida attesa,
che un domani possa diventar vittoria,
per chi ci sarà, sotto la croce di quel calvario
Lo chiaman come un segno dello zodiaco,
ma non è gentile...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • lucio il 03/12/2014 11:45
    m'hai commosso ricordando mia moglie morta quattro anni fa di tumore. Tutto corrisponde a ciò che ho passato io per due anni, sofferenze inaudite, prima le sue e poi le mie per dover perdere, l'unico vero amore
  • francesca cuccia il 11/05/2010 20:57
    C'è chi vince e chi non arriva.
    Bellissima per quanto vera e triste, un abbraccio.
  • tania rybak il 11/05/2010 18:28
    ho visto le persone vincere anche questo male, non sempre chiaramnete, molto triste e sentita
  • Antonietta Mennitti il 11/05/2010 09:14
    No, lui non è gentile, nè dolce come chi è nato sotto questa costellazione. In genere il cancro, come segno, è amabile, amante della famiglia, ma sa perdonare e non come quel brutto male che diventa spietato, viaggiando tante volte in incognita. Triste e crude realtà Laura, piaciuta perchè molto sentita!
  • vincent corbo il 11/05/2010 07:32
    Non finirò mai di credere nell'importanza della prevenzione. Una poesia molto profonda e triste.
  • - Giama - il 10/05/2010 22:17
    mi ha emozionato (perchè vera e sentita)! purtroppo è il segno zodiacale (acquisito) di molti nostri cari...
    grazie
    Gia
  • Fabio Mancini il 10/05/2010 21:18
    Una composizione personale e particolare che merita il nostro silenzio e rispetto. Un bacio carezzevole. Fabio.
  • Anonimo il 10/05/2010 19:27
    Moltissime cose vere in quello che tu scrivi apprezzato.
  • Anonimo il 10/05/2010 18:05
    Riflessiva stavolta 5 stelle
  • clem ros il 10/05/2010 16:32
    Bella, vera come il coraggio di parlarne anche in versi, dove la sua presenza da solo dolore.
  • loretta margherita citarei il 10/05/2010 16:22
    verissimo forse perchè da l'illusione de granchio, un passo avanti ed due indietro, malattia da me sconfitta qualche tempo fa, bei versi
  • Dolce Sorriso il 10/05/2010 16:07
    ... ma non quelle di chi resta accanto
    verissimo
    bella e sentita poesia
  • Anonimo il 10/05/2010 16:01
    Bella intensissima e malinconico, purtroppo atroce e reale.
    Brava Laura
  • denny red. il 10/05/2010 15:13

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0