PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

München

Fanciulla dolce, dolce come il miele,
quando ti vidi seduta a guardar giù da quell'aquila di ferro
preoccupata per il primo volo, avevi, così soave
un viso d'angelo, che a solo guardar
mi faceva creder nel supremo...
com'è possibile che colui che tutto puote, spinga qui giù
a penare un simil dono?
Allora capì... la vista nulla può oltrepassar.
Il volar mi confondeva, come può,
no... non può, quando mi svegliai dal sonno,
compresi e non mi avvicinai.
Dopo cotanto tempo ti conobbi,
Dio non val nulla?!?!
cacciar dal cielo un tale angelo...
Dio non val nulla!!!!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0