username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Momento

Un uomo chino spinge una carriola
la stanchezza offusca la vista
deve procedere verso una meta lontana
dove... è difficile dirlo,
si ferma un attimo
per misurare la sua energia
o arrestare la malinconia
tracciata dalla paura dell'ignoto
o per quello che non ha più...
eppure bisogna andare avanti
sino a quando i passi si spegneranno
nell'ultimo vano tentativo di issare lo sguardo
e specchiarsi nel riflesso dell'infinito.

"Ma chi sei tu che ancora resisti
al clamore del tempo
e trascini lentamente la carriola?
Che cosa tieni conservato là dentro?
Hai lasciato tutto,
il mondo ti ha abbandonato
senza dare respiro al tuo cuore
e forse le carezze rimangono
solo un lontano ricordo
o un sogno dipinto
in un'immagine trascurata dell'anima.
E allora, ti prego,
dammi una risposta!"

"Non hai ancora capito?
Sono l'ombra di te stesso
aiutami a portare
il nostro fardello
e a ravvivare
le fiammelle
di una lontana lanterna..."

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

40 commenti:

  • Anonimo il 31/03/2011 20:25
    quest'uomo ha ancora tante cose da fare, tanto amore, da dare, conforto da donare e tanta amicizia da regalare... lascia accesa quella lanterna... barvo bravo caro amico mio baci
  • Anonimo il 25/11/2010 22:21
    Le voci interiori, così difficili da cogliere, così difficile comprenderle, così difficile fidarsi di loro. La voce dall'interno chiama: la paura va guardata, interrogata, ascoltata, accolta e lasciata andare. Questo molte volte ci chiede di fare l'ombra di noi stessi.
    Poesia di profonda, condivisa ed apprezzata sensibilità. Bravo
  • Giacomo Scimonelli il 14/11/2010 14:46
    è semplicemente stupenda...
  • Viky D. il 12/10/2010 20:12
    I fardelli interiori che ci portiamo dietro a volte ci tolgono l'energia, la voglia di vivere
    e di sorridere, e sono pesanti quanto quelli materiali. Io dico sempre che l'essere umano ha una grande risorsa: la forza d'animo. È quella che ci fa andare avanti nonostante tutto. E tutti. Splendido scritto introspettivo, carissimo Ignazio. Un abbraccio.
  • Laura cuoricino il 04/08/2010 21:52
    Bellissima e commovente! Il momento della fatica del vivere, dell'andare comunque avanti...
    Bravo, Ignazio! Ciao. Cuoricino.
  • Anonimo il 30/07/2010 09:21
    Un salutino e complimentoni accompagnato da 5 stelle. Inserita fra i preferiti. Miry
  • Anonimo il 25/07/2010 00:14
    "Non hai ancora capito?
    Sono l'ombra di te stesso
    aiutami a portare
    il nostro fardello
    e a ravvivare
    le fiammelle
    di una lontana lanterna..."

    Una profonda malinconia, spezzata da un flebile, ma visibile desiderio di ripresa.
    Bella!
  • Anonimo il 24/06/2010 19:40
    QUanta tristezza e maliconia c'è in te nei tuoi ricordi ma cerchi di andare avanti sempre dandoti la forza per sperare una poesia bellissima ciao
  • Anna G. Mormina il 16/06/2010 11:37
    Caro Ignazio, le carezze rimangono... i momenti belli, nessuno potrà mai portarceli via!!!!... bellissima!, un bacione!!!
  • Anonimo il 09/06/2010 18:46
    quanti veli di malinconia.. carissimo Ignazio.. con tutta la fatica dell uomo
    a pro-cedere.. ad andare avanti con il peso della stanchezza sulle spalle.. a cercare
    comunque risposte... ma eccoti amico mio a cercare luce in quelle fiammelle di una
    lanterna lontana..
    splendida complimenti...
  • M. Vittoria De Nuccio il 06/06/2010 16:15
    Bellissima... bravissimo Ignazio!!!
  • clem ros il 03/06/2010 14:17
    Se la carriola l'accosti al fardello che ognuno di noi deve portare sulle spalle, perfettamente d'accordo.
  • Anonimo il 01/06/2010 17:49
    Io adoro la mia ombra infinitamente di più che la mia luce... è decisamente molto più interessante! Basta guardarla dritta dritta negli occhi
    Molto bella complimenti
  • Adamo Musella il 25/05/2010 23:51
    Siamo cosi consapevoli di vivere che trascuriamo le cose che ci fanno riflettere, la nostra ombra parte di noi non sa parlare, ma certamente noi non sappiamo ascoltarla forse troppo presi a vivere... il poeta riesce, ha orecchi sopraffini, si aiuta con l'anima ed ecco che scrive ritrovando tutte le nostre più insperate considerazioni. veramente bravo Ignazio, i miei complimenti. ciao.
  • Fuvell Altego il 23/05/2010 14:36
    Vedo l'inoserabile cammino della vita, che ci spinge e ci invita ad andare avanti, dandoci forza ed energia nei momenti più impegnativi.
  • Maria Lupo il 23/05/2010 00:23
    Bella anche questa ma... tremenda! l'hai scritta in un momento difficile forse... Certo è un quadro dell'esistenza umana che richiama temi leopardiani; salvo quelle fiammelle lontane che poi sono presenti, in forme diverse, in tutte le tue poesie..
    Forse una di quelle fiammelle è la poesia stessa.
  • Anonimo il 19/05/2010 07:43
    é vero, ci sono momenti in cui fai tanta fatica ad andare avanti...
    Molto vera e bella.
  • Cinzia&Donato A4Mani il 18/05/2010 15:37
    Riletta con vivo piacere ed è a 4 mani che vogliamo complimentarci ancora con te.
    Un forte abbraccio... a 4 braccia, naturalmente!...
  • Anonimo il 18/05/2010 15:15
    Triste malinconica ma molto bella.
    Bravo
  • Aedo il 18/05/2010 00:12
    Ringrazio tutti gli amici per i bellissimi e articolati commenti. Esistono momenti in cui la stanchezza sembra avere il sopravvento su ogni energia; ma poi si procede, spingendo la propria carriola al di là della barriera...
    Un abbraccio
  • garfield il 17/05/2010 18:50
    bellissima bravo..
  • Don Pompeo Mongiello il 17/05/2010 17:45
    Un po' triste ma veritiera e bellissima nella sua espressione poetica. Complimenti!
  • Marysun... il 14/05/2010 19:56
    bellissima.. davvero.. quando ho letto queste parole ho scoperto che le stavo cercando! il messaggio è davvero forte!!! graziee
  • Ugo Mastrogiovanni il 14/05/2010 14:46
    I versi di Ignis Ignis non ravvivano soltanto "le fiammelle di una lontana lanterna", ma lo spirito di tutti quelli che lo leggiamo. Questo suo "Momento" è comune a tutti noi e lo ritengo necessario per la sopravvivenza. Mai fermarsi; Alfieri direbbe: <Volli sempre volli e fortissimamente volli>, Ignis sa che è così e di riflesso lo ribadisce in questa sua encomiabile poesia.
  • Dolce Sorriso il 12/05/2010 21:26
    Ignis è bellissima... non ti smentisci mai
    bravooooooooooooo
  • alice costa il 12/05/2010 14:30
    una splendida poesia che fa riflettere.. quando le carezze rimangono solo un lontano ricordo la nostra ombra eccola accanto...
    Bravissimo
  • Anonimo il 12/05/2010 09:06
    Insieme arriveremo lontano sperando in una carezza all'anima...
    bellissimi versi Ignazio, complimenti...

  • denny red. il 12/05/2010 04:13
    poesia consapevole della sua forza.. nessuna paura.. della sua ombra.. un passo avanti, mai uno indietro, domani è un altro giorno..
  • nicoletta spina il 11/05/2010 23:26
    Molto bella e malinconica...
    l'ombra ti sorreggerà e ti darà risposta aiutandoti a portare il fardello e donerà ali per volare verso il sogno che ancora vive nella fiammella del cuore. Un abbraccio
  • loretta margherita citarei il 11/05/2010 21:10
    bella riflessione, come sempre belle le tue
  • Cinzia Gargiulo il 11/05/2010 20:39
    Molto particolare questo dialogo con te stesso. La tua ombra ti aiuta a portare il fardello della vita che lungo il tuo cammino si è caricato dei pesi della quotidianità ma ti esorta anche a ravvivare la fiamma della speranza.
    Bellissima poesia!
    Bacioni...
  • Donato Delfin8 il 11/05/2010 19:28
    Ottime immagini.
    Piaciuta
  • Gabriella Salvatore il 11/05/2010 14:55
    Molto bella, questa favola sull'andare e i ricordi di un lontano tempo carico di speranza... bella!
  • Anonimo il 11/05/2010 13:20
    Belle queste immagni dell'andare, della stanchezza forse del non senso in alcuni momenti, ma comunque di un inarrestabile andare.
  • Cesira Sinibaldi il 11/05/2010 12:37
    L'immagine dell'incipit rappresenta ogni uomo che, in un attimo di sospensione temporale, sa di dover comunque andare verso qualcosa che chiami meta. Mi è piaciuta molto.
  • Salvatore Ferranti il 11/05/2010 11:29
    una poesia che è come una favola con una morale... davvero bravo il nostro ignis...
  • Anonimo il 11/05/2010 10:51
    Bella e triste
    ci vuole coraggio andare avanti auando i sogni vengono stinti dalla pesante realtà
    ma è anche vero che per anime sensibile, il sogno sotiene l'azzurro..
    Complimenti Ignazio bella poesia
    un abbraccio
    Angelica
  • Antonietta Mennitti il 11/05/2010 10:49
    Mi piace Ignis... Brava!
  • francesca cuccia il 11/05/2010 10:41
    Bellissimo il finale,
    sarai un ombra di pace e bene, complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 11/05/2010 09:28
    Bellissima Ignis... sono la Tua Ombra... portami in luce... verso una lanterna... vicina e lontana...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0