accedi   |   crea nuovo account

In assi cartesiani

In assi cartesiani
rappresento la mia vita,
insuccessi sulle ordinate,
tempo sulle ascisse.
Risultato?
Una retta fortemente pendente
in partenza dallo zero
tendente all'infinito.
Cogito ergo sum
ma il pensiero di me
cancella la mia esistenza
in forti dosi di autoironia
e in dosi sempre più piccole di autostima
quasi volessi negarne la dipendenza
di cui sarebbe meglio fossi affetto.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 20/08/2013 22:35
    versi da perdersi dentro, fra autostima ed infinito, credo la rileggerò ancora, bella!!!
  • laura cuppone il 11/05/2010 20:09
    se fosse così semplice
    spazio e tempo
    una riga in fondo
    e il risultato...
    ma non é così
    non ancora
    finchè avrai il
    pensiero di te...

    Laura
    almeno
  • letizia salerno il 11/05/2010 18:29
    si nota la tua voglia di razionalizzare il tuo io.. le tue emozioni.. e ciò a mio parere è positivo. mi piace.
  • loretta margherita citarei il 11/05/2010 16:57
    logica matematica ben espressa in versi, profonda poesia
  • Anonimo il 11/05/2010 13:12
    Molto bella, ben scritta ed anche profonda questa poesia matematico-economico-filosofica. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0