accedi   |   crea nuovo account

Amor divino

Tra gli astri sconosciuti e mondi lontani
non v'è creatura a te pari
per beltà e per occhi sovrani
smeraldi stellati che il mio cor prigioniero
non può che sospirar che l'abbandoni.

Le tue virtù la favella mia non può esplicare
dolce come il miel è il tuo sorriso
che le membra mia scioglie all'osservare
perfezione natural la riccia chioma
che vorresti con le mani accarezzare.

Sorella di una dea e dea tu stessa
di morbide forme disegnata
di corpo e mente miei la padrona;
e come il bardo alle genti la grazia tua racconta
ogni cuor a te per sempre si confessa.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Verbena il 21/09/2014 20:03
    Ode di livello notevole, profondo ed elevato ad un tempo. Complimenti!
  • Gabriele Mazzucco il 11/05/2010 21:04
    grazie grazie
  • loretta margherita citarei il 11/05/2010 16:25
    mi sembra di leggere un sonetto di shakespeare, complimenti
  • karen tognini il 11/05/2010 15:09
    Bravo... Gabriele... poesia scritta con grande maestria..

    Complimenti...
    ciao
    karen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0