accedi   |   crea nuovo account

Portata dal vento

Vorrei lasciarmi rapire
dal vento,
perdermi nel suo abbraccio,
lasciarmi cullare foglia sul ramo
e farmi trasportare
nel suo impeto, lontano
con lui.
Ascolto la sua voce, sussurra
come il mare alla linea dell'orizzonte
complice e lontano,
amico e nemico.
Sbuffa, come un treno
che corre lontano sui binari
di una vita, fermata ignota,
verso il pallore di una sera,
che lentamente si avvicina.
Ride il vento,
sembra un bambino
che gioca con il sole, con la vita,
poi d'improvviso diventa livido e scuro
e se la prende col mondo,
vorrebbe pulirlo
spazzare la rabbia, il rancore,
la sporcizia che lo soffoca e lo opprime.
Ma è solo con la carezza di un sogno
che arriva lontano...
là dove quella rondine sta volando,
portata dal vento

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Aedo il 13/05/2010 00:05
    Bellissima poesia: con il vento ci lasciamo cullare verso approdi da sogno. Brava!
  • Simone Scienza il 12/05/2010 22:10
    è il soffio di questo vento che ascoltiamo, mentre passa tra le tue parole
  • Angela Marino il 12/05/2010 20:56
    Davvero bellissima. Lasciarsi cullare dal vento... viaggiando con lui verso orizzonti lontani...
  • tania rybak il 12/05/2010 18:00
    il vento spazza via tutte le nuvole e il sole risplenda, la tua poesia è splendida
  • clem ros il 12/05/2010 16:37
    Ho idea che il vento sia dentro di e, e ti da l'impeto di scrivere. Brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0