username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Finalmente lavoro!

Ho già mandato a mente il mio curriculum,
davanti allo specchio,
fingo l'interlocutore,
il mio datore di lavoro.
Interrogo me stessa,
ora datrice acuta e severa,
su prospettive e aspirazioni.
Ed inevitabilmente penso
che cambiando il ruolo, cambia posizione,
una fuori, una dentro lo specchio,
realtà in cui ci riflettiamo
tutti i giorni.
Colloquio formale, ma spontaneo con la vita
che premia chi non fugge
Penso proprio
che mi assumerei...
Ma il datore è già là che mi aspetta,
nel suo ufficio profumato di lavanda,
ho scelto il vestito migliore,
non troppo audace, il giusto.
Indosso il sorriso più bello e sicuro
e uno sguardo deciso.
La stretta di mano un po'sudata
ma, bigliettino da visita, convincente.
Le parole escono come un fiume
in piena, vogliono travolgere, convincere
anche me stessa,
mi ascolto incredula e mi tengo per mano.
Le faremo sapere...
Ma dopo due giorni di perse speranze
il canto del telefono annuncia:
"È stata destinata alle casse..."

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 13/05/2010 09:32
    le tue poesia inchiodano il lettore alla pagina...
  • loretta margherita citarei il 13/05/2010 06:21
    mi piace come descrivi la realtà quotidiana,
  • clem ros il 12/05/2010 23:37
    Sorprendente come sempre.
  • Fabricio Luiz Guerrini il 12/05/2010 21:45
    Una dura realtà descritta con eleganza poetica
  • patty picci il 12/05/2010 18:40
    bene bisogna crederci sempre... e non desistere mai
  • tania rybak il 12/05/2010 18:03
    ti assumerei anchè io, sai incassare tanti complimenti, meritati e convincenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0