accedi   |   crea nuovo account

Volo nel blu

Fuori, sulla terra
Il peso della zavorra
E dell'attrezzatura
Li sento
Sulle gambe
Sulla schiena
È fatica
Ma tutto si paga.
Dopo il tuffo
Si svuotano i polmoni
Ed inizia la discesa
Il peso magicamente
Svanisce
Galleggio
Volo nell'acqua limpida
Il pensiero
Ed il respiro
Mi fanno spostare
Su' o giu'
Esattamente dove
Come voglio
Non mi guardo neppure intorno
Per qualche istante
Siamo solo io ed il mare
Ne sento la forza
Potrebbe ribellarsi a me
Ed invece
Gentilmente
Mi accoglie ancora una volta,
Straniero in paradiso.
Ed e' un universo 
Di colori e vita
Che mi fa venire voglia
Di allungare un braccio
Di sfiorarla con le dita
Ma e' tanto bella
Quanto fragile
E mi limito a passarci
Accanto
Silenzioso come un'ombra.
In paradiso
Sono solo un'ospite
Il biglietto d'ingresso
L'ho in prestito
Da mio figlio
Che ancora deve nascere.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 13/05/2010 18:16
    Bella bella Alessio... tieni bene il biglietto 'ingresso di tuo figlio altrimenti
    quando nasce ti sgrida, il paradiso sulla terra è una cosa meravigliosa!!!

  • Anonimo il 13/05/2010 14:16
    Molto bella. Ho avuto la sensazione della vastità del mare e la sua serena solitudine. 5 stelle
  • laura marchetti il 13/05/2010 13:48
    molto bella, mi hai fatto vivere sensazioni sconosciute..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0