PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La grotta azzurra

Sei
la mia luminosa grotta azzurra
in Te sogno
fra due Cuscini in lotta

nell'isola
incantata
dal monte
Solaro

dove
sotto un sole esiliato
passeggiava

Neruda

postando
in cuor Suo
Massimi gigli
imperlati di luce

Ah se Ti avesse conosciuta
quali splendidi introversi versi
d'Amore

avrebbe versato
dalla Sua anima
alla Tua

portandoti
in volo fra milioni
di poetici baci

sotto fulgide arrembanti scalate di stelle

in cima a impensabili vellutati faraglioni
dagli occhi di Basalto

Adorabile mia
Tenerissima Capretta

quanto Ti Amo
senza mai veramente
sapertelo dire

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • rea pasquale il 15/05/2010 13:52
    molto belli i riferimenti a Neruda.
    Mi piace molto.
    Ciao
  • Anna G. Mormina il 15/05/2010 11:57
    "... quanto Ti Amo senza mai veramente sapertelo dire...", ... questa strofa... rappresenta la maggior parte di noi... Vincenzo, mi piace... e tanto!!!!
  • Manuela Magi il 15/05/2010 10:45
    "e nella notte entreremo per rubare un ramo fiorito"
  • karen tognini il 15/05/2010 09:25
    .. Neruda.. l'adoro...

    La tua poesia...è un inno all'amore puro... splendido... senza ombre...
    Quanto sei bravo... Vincenzo..
    karen
  • Anonimo il 15/05/2010 08:48
    Le vette di Neruda son ciclamini che fan l'amore con la rugiada, tuttavia ci consumiamo ben volentieri, nell'ardere passo dopo passo sopra il nostro inadeguato promontorio.. Beee!

    Bella Vincé
  • - Giama - il 15/05/2010 08:46
    secondo me gliel'hai detto parecchio bene!


    Gia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0