PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cosa resta di te

cosa resta dentro di me
che ti appartiene?
sono partito
dal sapore del noto
odori ed aromi che credevo consolidati
ma le regole non esistono
e quello che sembrava immutabile
si diverte a scombussolare il gioco
è come spostarsi verso latitudini ignote
dove il viaggio che un tempo
toccava approdi per riposare
adesso si fa beffe delle mie fatiche
e sono costretto sempre più su
e ruoto intorno
in basso terre e mari sempre più minacciosi
cosa resta di te allora?
forse anche tu piano piano
sei scomparsa
come ingoiata da questo gioco così
magicamente più grande di tutto,
non resta che divenire vento
che nasce come soffio leggero
e che ignora se diverrà burrasca
o scomparirà ingoiato nel possibile
alimento di nuovi e improbabili dubbi.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 16/05/2010 21:31
    Una delle più belle poesie che ho letto in questi ultimi tempi.
    Da Grande Poeta.
    Complimenti!!!
    ss
  • laura marchetti il 16/05/2010 15:46
    divenir vento e fondersi nella sua inconsapevolezza... bellissima riflessione
  • Vincenzo Capitanucci il 16/05/2010 14:40
    Bravissimo Giuliano... routo intorno a Te... Terra di un Sole Splendente... e Tutto si rivoluziona... continuamente... mentre nell'inconscio traslato...

    Cosa resta di Te... di me...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0