accedi   |   crea nuovo account

Mattinata d'aprile -aspettannu li groj-

In questa mattinata di primavera
volgo lo sguardo al cielo
in direzione del mare africano;
di là! da sempre sono arrivati
messaggeri del bel tempo
li groj, diretti verso il Nord
che emozione assistere a quel passaggio
stormi di uccelli vocianti ed ordinati
aprono alla speranza il cuore
giovane pastore tra quelle valli!
Nessun volo oggi,
tacciono le voci di quel coro antico
sul mio capo si ode il richiamo
di una coppia di vecchi nibbi
attenti alla costruzione del nido
tra le pareti rocciosi, inaccessibili.
Mormorano i ruscelli e vanno al lago
in una corsa senza tempo,
la tristezza adesso lascia il passo
alla dolcezza del sogno, di lei il volto.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Grazia Denaro il 03/02/2012 16:11
    Ben stilata, molto piaciuta!
  • Anonimo il 27/05/2010 16:54
    Mi hai donato uno squarcio della tua terra e quelle grù( penso che siano quelle i groi)le ho proprio viste.
    Poi esterni sentimenti e quando un poeta parla di dolcezza del sogno io mi sciolgo. Bravissimo, stupenda poesia.
  • loretta margherita citarei il 17/05/2010 21:11
    ben scritta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0