accedi   |   crea nuovo account

L'ispirazione

St’arrivann, o i ‘lloc è Ess,
nun m’a pozz fa scappà,
ogni ‘vvot è semp ‘o stess,
na suràt p’affrrà.

Rint ‘e ‘rrecchie, pè cervell
fuie e allucc comm’ a ‘cchè,
ca sia brutt, ròss o bell,
sul ‘dopp ò può sapè.

‘Mbunn a pont, a man part
primm ca sa po’ squaglià,
‘nguacchi ‘e ggnostr e ‘ddet e a cart
pe cercà d’a ‘ncatenà.

Stienn e viers e prèss e prèss,
t’arravuoglie int a na rim,
truov o fil da matass,
cus, scus, accuoncie, allìm.

Ma attramènt faie chest’art,
Chella già t’abbandunat,
sò ‘rimmast ‘ncopp a cart
viers sciuovt, arrubbat.

Nun è ‘ttant, so vrccell,
poc o ‘nnient m’a lassàt,
prumettev mar e stell,
vin e rorgi ‘nzuccarat.

Nunn è Ess ‘a malament,
song je sul ‘o muort ‘e famm
Chell nu ‘pport maje nient,
Simm muje ca nunn ‘o damm.

Ma m’abbasteno e vrccell.
So tantell? E ‘cchè ‘mport?
‘O ‘ssnzial è quann Chell
tornarrà a bussà ‘a sta port.

Je l’aspett a tutt ‘ll’or
‘ntiemp e viern e intà staggion,
sadda sul stutà ‘o cor
pe ‘nzerrà chistu purtòn.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • antonio castaldo il 27/03/2009 23:49
    la prima lingua... è n'ata cos... c'è più colore... più allegria... più poesia... o no!?!
    veramente bella. complimenti.
  • sara rota il 28/06/2007 08:08
    Inizialmente non capivo se parlavi di una biro, di una poesia o di una donna... Ogni verso è a sè. All'inizio poi mi devi scusare ma il dialetto nel quale l'hai scritta non lo capivo proprio... per fortuna ho poi trovato tra i commenti la traduzione... Comunque bella.
  • francesco sobberi il 21/02/2007 12:23
    leggendo la poesia in dialetto (e quindi capendo poco) pensavo parlasse d'amore e di donne. In fondo parlare di ispirazione, d'amore o di donne a volte può essere la stessa cosa.
  • Antonio Izzo il 14/02/2007 17:30
    Traduzione:

    L’ISPIRAZIONE

    Sta arrivando, eccola è Lei,
    non posso farmela scappare,
    ogni volta è sempre lo stesso,
    una sudata per afferrarla.

    Nelle orecchie, per il cervello
    corre e urla a più non posso,
    che sia brutta, grossa o bella,
    soltanto dopo puoi saperlo.

    Bagni la punta, la mano parte
    prima che possa squagliarsela,
    Imbratti di inchiostro le dita e la carta
    per cercare di incatenarla.

    Stendi i versi in tutta fretta,
    t’aggrovigli in una rima,
    trovi il filo della matassa,
    cuci, scuci, aggiusti, limi.

    Ma nel mentre fai quest’arte,
    quella già ti ha abbandonato,
    son rimasti sulla carta
    versi sciolti, rubati.

    Non è molto, son pietruzze,
    poco o niente mi ha lasciato,
    prometteva cielo e stelle,
    vino e dolci zuccherati.

    Non è lei la cattiva,
    sono soli io il morto di fame
    Quella non porta mai niente,
    siamo noi che non lo diamo.

    Ma a me bastano le pietruzze.
    Sono minuscole? E che mi importa?
    L’essenziale è quando Quella
    tornerà a bussare a questa porta.

    Io l’aspetto a tutte le ore,
    in inverno e in estate,
    deve solo spegnersi il cuore
    per chiudere questo portone.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0