PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Te ne vai

La luna
passa e ripassa sul tetto
nessuna
pausa al nostro sospetto
laguna
assorta di pallida pace
richiama
quel che alla fine si tace
una lama
di lucido acciaio intarsiata
reclama
lo scroscio di una risata
il pianto
di una sola lunga notte
rimpianto
di stelle complici mignotte
intanto
resta artefatto momento
intriso
di puro aberrante tormento
il viso
di luce soltanto un frammento.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • alessandro fersini il 22/05/2010 12:33
    io sinceramente non sono uno che da una critica alle poesie degli altri... ma questa è bella!!!
  • B. S. il 19/05/2010 21:44
    In questa poesia sembra tu stia sperimentando uno stile nuovo,
    un modo di scrivere che mi piace parecchio.
    Sei sempre bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0