PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Du vecchiu sceccu

arranca du vecchiu sceccu
ca cu tanta largasia
sirviu du bonu viddanu

senti supra la so carina
lu duluri genuinu
di cu a sempri travaghiatu
e ghie apprezzatu


oh vecchiu sceccu
ne u suli ne l'acqua
ta mai firmatu
chiana e scinni
scinni e chiana
pi tia i munti
su tavula ghiana


quann'eri ancora nu sciccareddu
u viddaneddu
a duminica ti facia beddu
e o paisi vi nannavu
i picciriddi ti jucaunu
ie cocchatunu chiu tusticeddu
ti tirava na pitroccula
ma tu...
pacinziusu facivi finta i nenti

e primi i maggiu sintivi
nta l'aria u ciauru i l'amuri
ie cantavi ca to vuci
ie chi to paroli

uora siti vecchi tutti dui
naviti passati tanti assemi
e divintastu amici
dopu ca vi spattistu na vita di sacrifici

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • laura cuppone il 19/05/2010 20:36
    un legame intrecciato nel tempo
    giorno per giorno
    due compagni di vita
    un amore anche questo... eccome!

    bella!!!
    Laura
  • Anonimo il 19/05/2010 19:17
    E si caro Carmelo il tempo passa per tutti sia per l'asino che per il suo padrone, ma l'amore no quello è sempre uguale sia di quando era asinello giovane e forte sia ora che gli anni anche per lui lo anno acciaccato come il padrone.
    Molto bella.
  • Anonimo il 19/05/2010 18:51
    Bella riflessione, ma difficilmente apprezzabile da chi non è siciliano