username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nel puro lavacro del mondo

Serpeggia inquieta
la mia anima dolce turbata
mai stata così luminosa attenta
a cogliere dall' inferno
i fumi del male
sproporzionati silenzi
cui costringe l'io ignaro identico al sé
autenticità di una spinta
oltre il peccato
oltre spirali di incenso incesto
oltre gli stessi dialoghi
umilianti incontri
lungo assenze di forza di violenza
oltre il fango della folla
che sogna che divora la carne
restituendo lo spettacolo informe
dell' uomo sospeso pigro
viaggio infinito nel mio piacere
difficile seguirne amore pace
pieni di poesia noi
rinunciando alla morte soli
nel puro lavacro del mondo.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • denny red. il 22/05/2010 06:00
    alessia poesia intensa, la folla non la guardare.. ascolta solo la musica, segui il tuo canto, e per sempre tutto sarà vita! Sei fantastica! e bravissima!! Non ho nulla da dire!!
  • Anonimo il 20/05/2010 18:42
    Molto espressiva, anche se come al solito ti vedo inquieta 5 stelle
  • Anonimo il 20/05/2010 17:12
    Sempre molto inquiete le tue poesie, rivisitare ricordi o esperienze turbolente
    ti fa scrivere versi bellissimi...


    ma nello stesso tempo sai che mi dai pensiero...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0