accedi   |   crea nuovo account

Il canto della sirena

Osservo l'oscurità del peccato
innaffio fango sui nostri dolori,
danzo nei giardini dell'inferno
circondata dalle anime morenti
cerco corsi voluminosi,
cerco corsi per le nostre anime,
morti e vissuti in eterno.

Io nella notte affondo i miei pensieri
sorvolando la natura assassina
che mi lega con i suoi vestiti
e mi abbraccia, incredula, mi abbraccia
spogliata nuda dagli averi della vita passata.
È vero, ma il mio canto è l'assunzione della morte
danzando tra le stelle, il lento movimento perverso,
mi concedo debole al suo fuoco
che prima porta incanto e poi il pianto.

Inglobare il volare del sentimento
ci leghiamo al dolore morente,
ci macchiano di spine e di sangue,
avvertiamo il freddo brivido sui nostri corpi
che noi uniamo sangue infedele,
sospirare i peccati dalle gioie
urliamo gli incanti della paura, ansimiamo indelebili
e bruciamo.

Luci distanti col cuore oppresso,
cerchiamo sentimenti rispecchiando i nostri pianti
e inghiottiamo le nostre ferite
implorando l'amore.

Osservo l'oscurità del peccato
innaffio fango sui nostri dolori,
danzo nei giardini dell'inferno
circondata dalle anime morenti...
io sono la fonte che lega il peccato,
io sono il tormento della vita eterna,
io sono la strega maledetta,
io sono il processo della vita,
io sono la vostra eterna vibrazione,
io sono l'angelica incantata...

E io vi assolvo con il mio piacere,
vi penetro nel mio grembo stuprante,
dai vostri pianti ottengo eccitazione...
Il corpo nudo cavalca il vostro demonio
danzando tra le fiamme all'infinito
assorbendo l'eclissi totale,
il canto accoglie le vostre grida.

Insieme allentiamo il nudo piacere,
la fiamma dell'orgasmo, la bruciate...

Ci soffochiamo,
marciamo nell'infinità,
offriamo devozione alla crudeltà.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Flavio METALDOG Noviello il 17/10/2010 15:49
    Grazie mille
  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 27/09/2010 15:51
    bellissima, fantasiosa, sembra davvero di sentire il canto irresistibile della sirena partenope, a cui resistette ulisse.
    grazie per la bella poesia. guido orbelli

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0