accedi   |   crea nuovo account

L'eterno riposo

Quel vecchietto che mi sgridava
ora mi guarda dalla foto
sulla tomba in cui è sepolto

Nessuno è passato a salutare
non ci sono lacrime nè fiori
alcuni passano così

Alcuni passano
senza che si giri nessuno
senza farsi ricordare

Quì c'è il Sole, l'aria è fresca
in giorni come questo
la morte sembra accettabile

Tombe come sdraio, alberi ombrelloni
i morti sembrano sdraiati al Sole
come turisti

Alcune facce le ricordo
e mi riportano
all'infanzia

Mi guardo intorno
il cimitero è come allora
soltanto più affollato

Quando sarà ora
voglio venire qui a riposare
come loro.

Oggi voglio farvi compagnia
pregherò per tutti voi
prima d'andar via.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 20/11/2015 17:40
    Bella e profonda riflessione poetica per immagini e sentimenti.

    ggc
  • Nico Posillipo il 01/08/2013 13:21
    poesia molto malimconica ma allo stesso anche con molto fascino che bella
  • Tim Adrian Reed il 29/06/2010 20:08
    non ti nascondo che la tua approvazione è molto significativa per me, infinite grazie Karl.
  • Anonimo il 29/06/2010 17:46
    poesia che lascia tanta malinconia... ma che alla fine si addolcisce in una speranza di un sonno consolatorio... un sonno sereno... il riposo di quel guerriero che ha finito di sfidare la vita... bellissimo il ritratto di quel vecchio addormentato che si eclissa nel sottile vento dell'oblio... nessun fiore... nessuna visita come se la sua impronta non avesse mai lasciato segno su questa terra avara di memoria... poca cosa 5 stelle... la trattengo per poterla rileggere
  • Tim Adrian Reed il 21/06/2010 15:07
    Grazie per il bel commento Vincenzo!
  • vincent corbo il 20/06/2010 13:25
    Una poesia scritta con il cuore, commovente ed equilibrata.
  • Tim Adrian Reed il 18/06/2010 12:42
    Grazie Maria Rosa!!
  • Maria Rosa Cugudda il 18/06/2010 10:17
    porta a riflettere, molto profonda!
  • Tim Adrian Reed il 24/05/2010 02:07
    Grazie Denny, contentissimo della tua approvazione!
  • denny red. il 24/05/2010 01:23
    tim una bella poesia ai scritto, i miei complimenti!!
  • Tim Adrian Reed il 23/05/2010 17:57
    A Hila, Laura e Daniela: Un super grazie!!! Sono davvero contento, grazie dei bei commenti. Concordo, i cimiteri e la morte, una destinazione obbligatoria per tutti... le città dei morti sono proprio qui accanto a noi, eppure non prestiamo molta attenzione.
    La morte ricorre nelle mie poesie, nei miei pensieri... la verità è che ne ho paura. Sento tante persone dire che non hanno paura di morire, ma io sì. Amo la vita, nel suo "tutto": dolore e felicità. E onestamente non mi va per niente di lasciare questa vita, perciò forse ecco spiegato tutto il mio riflettere sulla fine. E chissà che un giorno la paura non svanirà... ma ci sono giorni in cui sembra davvero accettabile, niente più che un riposo sotto la chioma di un albero. E ci sono volte in cui fa bene andare a trovare chi non c'è più, mette tutto "in prospettiva", ridimensiona i piccoli problemi quotidiano che ci sembrano così insormontabili...
  • Anonimo il 23/05/2010 16:52
    La morte va contemplata a stretto contatto con la vita, percepisco che tu
    lo stia facendo... si impara ad apprezzare ancor di più il respiro!!

    Bellissimi versi...
  • laura marchetti il 23/05/2010 16:32
    dolce e triste rassegnazione... poesia molto bella
  • Hila Moon il 23/05/2010 14:19
    un argomento molto particolare... una città quella che descrivi a cui spesso non si rivolgono particolari attenzioni, eppure una desinazione che non possiamo evitare. Molto malinconica, molto bella...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0