PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Madonna delle lacrime

Oggi contemplo il tempietto
mentre vi cantano intorno
gigli in candore di pace.
La preziosa tovaglia
intarsiata di ricami,
paziente opera
di femminili mani,
freme in attesa
di Tuo reliquiario.
Ritrovo manto di mia fede fanciulla
e trepida l'indosso.
Mi rivedo nel mio paesello montano,
odoroso di mentastro.
Le roselline selvatiche
abbarbicate ai muri
gridano bellezza.
Io bimba,
con furtivi piedini,
m'infilo in lunga processione
ed ebbra di gioia,
già treccine sciolte,
ricerco
il tuo ondeggiante
simulacro, o Madre,
ma sventolio d'azzurro lo nasconde.
Mi fermo incerta.
Trepida ti cerco,
ma ecco giovane sorriso sacerdotale
mi richiama in spazio di mia chiesa,
sostenendo
con mani robuste di fede
il tuo reliquiario,
e umile ti rinnova, o Maria,
l'offerta di sua vita.
Ora, o Madre,
brillano le tue lacrime
e improvvisamente
diventano per noi
perle di sorriso.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 28/01/2013 16:00
    "Ora, o Madre,
    brillano le tue lacrime
    e improvvisamente
    diventano per noi
    perle di sorriso"
    Magistrale ode mariana, stupendamente espressa, come sempre.
    La scrittura è un dono che tu hai ricevuto. Continua, cara Rosarita. Ti Benedico
  • Anonimo il 24/05/2010 16:08
    La dolcezza che è sinonimo del tuo scrivere lascia la voglia di continuare ancora a leggere perchè rallegra l'anima.
    Bellissima Rosarita
  • loretta margherita citarei il 24/05/2010 13:32
    meravigliosa, prega anche per me, rosita
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/05/2010 10:51
    Con dolcezza e dovizia di particolari, immersa tra note di speciale risonanza lirica, Rosita De Martino ritrova la sua la sua infanzia e la "fede fanciulla" nei luoghi che la videro bimba. Pensa e si commuove, ma la sua preghiera prevale e la consola.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0