PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Soliloquio

Solo, solamente, solitario...
Condizioni naturali del pensare
Ampia spelonca, la Mente,
riverbera l'eco e surroga una folla,
scaccio a fatica il desiderio di compiacermi
solo, solamente, solitario...
"baciami cretino"
Giunge come un colpo d'ariete dal tuo sorriso,
poi,
Sul ponte veneziano delle nostre lingue
Passa tumultuoso un carnevale
e... null'altro m' importa

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Andrea il 17/09/2012 20:48
    poesia molto intensa... fantastici i primi due versi(senza sminuire il resto ovviamente)..."solo, solamente, solitario... condizioni naturali del pensare", ad alto impatto filosofico... bravo carlo ti faccio i miei complimenti e un saluto!!!
  • Cesira Sinibaldi il 27/05/2010 23:06
    Belle matafore a sottolineare la fine imprevista di un pensare solitario.
  • denny red. il 26/05/2010 23:56
    ottima! carlo bella la chiusa. bravo!
  • Vincenzo Capitanucci il 26/05/2010 12:31
    La carne vale... e sul resto in verità... concretamente s'impone...

    Bellissima... Carlo... su questo ponte di vene... fra l'anima e corpo... splende Venere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0