username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Trincee

Fu precedente alla caccia
la forza di London
a tenermi vicina
ai miei
simili

Quando aprirono il fuoco
fui distratta dal desiderio di difendermi
senza istinti
alla rifrazione
senza
commutazioni soniche
a rimandarmi
indietro

Restai rinchiusa
nel barattolo meno esposto
e non si spiegarono come mai
non riuscissi nella scissione
né riuscirono
ad annichilirmi nella fusione
del catrame

Potevo permettermi
di viaggiare
nella mia stessa forza
centripeta
atermica
ovattata
d'inebriarmi d'etilico
conservatore
illudendoli d'esser
presa

Il desiderio
sfiorò le spighe
nel ricordo del loro
colore
e le chiamò a sé
guardando il vetro
che proteggeva
il mio stupore

Mi concederò
Il viaggio della spora?
Si
quando
la mano sapiente
saprà aprire il contenitore
e mi farà volare
nel campo
di raccolta dei bossoli
senza trincee...

Saprebbe riconoscermi
l'apolare
infine
poiché langue e sorride
il mio stomaco in abuso
nella perfezione del bilico
di un ricordo
in disuso.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • laura cuppone il 29/05/2010 02:50

    esplodo di gioia...

    un bacio e grazie specialissimi carissimo amico mio!!!!

    Lau
  • Anonimo il 27/05/2010 18:14
    Ciao Lauretta. Una poesia come fonte di calore. Diciamo che la comprensione non cosa umana, più che altro noi osserviamo.. ecco a volte si coglie la sfumatura, una percezione gustosamente eterea! A parte questo sono piacevolmente colpito dalle tue poesie, che ogni tanto leggo, quanto il tempo e le sue instabilità me lo permettono.

    Bacio, ciao.
  • laura cuppone il 27/05/2010 17:39
    forse é solo chimica..
    una questione di combinazioni...
    forse non si dimentica il paradiso
    forse...é stato un sogno
    ... forse sono in un laboratorio
    o dentro una teca con uno spillo tra le scapole
    sotto osservazione... dimenticata...
    o forse...
    a volte mi osservo da dentro
    e semplicemente
    non comprendo...

    un grazie grande, grande... a tutti.
    Laura
  • alessandra gazzi il 27/05/2010 17:33
    sicuramente diversa dalle mie ma molto particolare e devo dire bella! mi è piaciuta hai uno stile molto surreale vero ma centri i bersagli. mi piace mi piace!!!!
  • Dolce Sorriso il 27/05/2010 11:06
    Laura sai sempre stupirmi e regalarmi emozioni
    grazie tesoro...
    tvb
    Anna
  • Guido Ingenito il 27/05/2010 03:31
    lessico aulico (perlomeno per me), poesia farcita di narrativa, argomenti esplosivi, un titolo ineccepibile, e, marchio tuo di fabbrica, ultima strofa da applausi. bravissima Lau!
    buonanotte
    Guido
  • Anonimo il 26/05/2010 20:18
    Si che saprà riconoscerti... anche se un po' in disuso!!

    Bellissima introspettiva, Laura...
    ti abbraccio
  • Salvatore Ferranti il 26/05/2010 18:57
    splendida questa poesia. davvero molto bella
  • loretta margherita citarei il 26/05/2010 16:37
    fantastica, sei super

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0