username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non Aprite

Rieccoti coinvolto, stralunato
da bramosie già spesso andate a male.
Eccoti insonne e pensieroso
ancora come un tempo.
Di nuovo qui, contorsionista della mente.
Sveglio più che mai con la mia punta a sfera.
Cos'è che non mi fa dormire?
Forse è la paura.
Quale tormento e quale angoscia
violentano la mia coscienza
che troppo soffrì, ancor più di ora.
I miei occhi su dal foglio,
han visto folla indifferente
ingozzarsi e urlare all'oste:
"Un altro litro!"
Ed io qui seduto, imbarazzato.
Lo sguardo buttato sul bianco candore,
interposto tra le righe, mi ossessiona.
Ancora mi chiedo perché mai?
Chi mi cerca?
Inutile lo so, farsi domande,
ma che mi resta?
Dolce è la solitudine sui pendii dorati,
e mi accarezza,
ma è così aspra tra quattro mura
che invidio i pazzi che la sanno amare.
Se la notte bussa alla finestra,
non aprite, io sto dormendo.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Riccardo Brumana il 30/04/2007 11:35
    sono d'accordo con gianni, è il più riuscito... forse l'unico. ma i gusti son gusti
  • Egon il 27/04/2007 00:52
    molto bella
  • antonella ninni il 20/02/2007 00:50
    il tempo và avanti, ma per te sembra invece essersi fermato... insonne e pensieroso... bramosie già spesso andate a male... insonnia gran brutta cosa purtroppo io ne sò qualcosa...
  • catia sebastiani il 19/02/2007 17:03
    la solitudine è un buon aiuto per la meditazione, con questa si capiscono tante cose. A volte serve a tutti. ciao catia s
  • Gianni Carretta il 19/02/2007 15:24
    verso più riuscito: di nuovo qui, il contorsionista della mente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0