PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gabbia di Noce Nociva

Chiuso
nella mia noce,
attendo che la vita
mi schiacci,
nuova.. mente
nuovo corpo

via,
libero dalla stasi
noci.. va
d'un cesto
in cui non ci sto
più

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Manuela Magi il 29/05/2010 10:55
    Versi significativi... giusti.
    Uscire da un guscio e vivere appieno... oltre tutto.
  • Simone Scienza il 29/05/2010 00:53
    Standing ovation a voi e... im gamba nè!!
  • loretta margherita citarei il 28/05/2010 21:19
    e che sia rinascita
  • Anonimo il 28/05/2010 19:31
    Ecco ora che sei libero, possiamo andare a donne come due bei farfalloni
  • Anonimo il 28/05/2010 17:33
    Oramai la noce tua è quella, ma non guardarla dall'esterno, la parte migliore sta sempre dentro!
  • Vincenzo Capitanucci il 28/05/2010 17:26
    Splendida Simo... ci vuole proprio un potente... schiaccia-noci... per essere In.. nuova-mente...
    Leggendo le Tue ultime poesie... penso che non ne siamo lontani... a questo Sovramentale Umano.. in chiave divina...
    Coraggio Simo... anche Achille... era fragile di caviglia... forse lo schiaccianoci in discesa di luce si avvicina agli Al-luci... e poi è fatta... lol...
  • Anonimo il 28/05/2010 16:09
    Bellissima molto intensa e profonda.
    Bravo Simone
  • Cinzia Gargiulo il 28/05/2010 15:16
    Con le noci ci faccio uno spezzatino gustosissimo... sì, sì... ci metto pure i funghi porcini... ah bè, da leccarsi i baffi!... Devo nasconderlo prima che se lo pappi tutto gatto Silvestro...
    Bellissima poesia!...
    Ah bè io di gusci di gesso alla caviglia me ne intendo, la scorsa estate sono stata immobilizzata un bel pò, che noia!!!...
  • Anonimo il 28/05/2010 14:51
    guarda nemmeno la leggo che ti dico bravo m'è piaciuta!! ahaha!! tanto il tuo estro lo conosciamo..
    simo simo... cambiar pelle come i serpenti è un'ottima pratica quando l'evoluzione porta a nuovi sorrisi: VERI.
  • laura marchetti il 28/05/2010 13:44
    una noce molto dolce e tenera... e con grande umorismo... non è che mi diventi un nocino spiritoso????
  • karen tognini il 28/05/2010 12:22
    Dai.. pazienza... Simone...

    poi correrai... di nuovo... verso una mandorlina... Eh eh eh...
    un bacio
    k
  • - Giama - il 28/05/2010 12:14
    bisogna esser bravi a rompere quel guscio... troppa violenza frantuma il contenuto, poca forza non fa che rovinare leggermente la corazza!
    sim, ma il gesso quando telo levano?
    ciao ciao
  • Anonimo il 28/05/2010 12:11
    W il minimalismo. Ottima poesia. Tutto ben cesellato: tema, verso, tempo. Cinque stelline Simone.
  • laura cuppone il 28/05/2010 12:03
    il guscio di noce
    ospita le fate
    é il mio giaciglio... infatti..

    scherzi a parte (ma non troppo), il guscio
    é calda confortevole sicurezza, ma anche limite di rischio e quindi
    stasi...
    imploderai schiacciando da dentro
    questo
    guscio.

    piaciuta!!!!!
    Laura
  • Anonimo il 28/05/2010 12:02
    Aspetta un po' prima il guscio che racchiude la tua caviglia
    poi implodi da dentro e manda in mille briciole il tuo guscio o noce
    dolcissima!!

    Bellissima e piena di malsopport.. azione di noia forzata
  • Elisabetta Fabrini il 28/05/2010 11:53
    ci vuole pazienza... ogni guscio prima o poi si frantuma e tornerai a vivere... bravissimo Simone!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0