accedi   |   crea nuovo account

Languore

Quando il mio labbro
si increspa appena
e non si concede
ad una passione
che mi gonfia l'anima,
come fa il vento con la vela,
mi par d'essere cullata
dalla paziente onda d'Aprile,
stanca delle mareggiate invernali
e speranzosa di nuove emozioni
che la vicina stagione le offrirà.
E mi placo anche io
assaporando il gusto di un ricordo
di salsedine che mi pizzica l'anima
ed invita a costruire sogni
che si lasceranno lambire appena
dalla frizzante spuma
di un'onda dispettosa.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • maria anita acciarini il 29/05/2010 21:55
    Ringrazio Salvatore e Nicolas per la bontà dei commenti!
  • Anonimo il 29/05/2010 19:39
    Confermo il mio giudizio dell'altra poesia, hai uno stile elegante, oserei dire raffinato. Brava!
  • Anonimo il 29/05/2010 11:50
    Complimenti davvero, una poesia che fluttua sull'onda di una passione espressa ma velata!
  • maria anita acciarini il 28/05/2010 18:43
    GRAZIE AMICI per i commenti!!!!
  • - Giama - il 28/05/2010 18:17
    viaggio trasportato dalla brezza con questa tua poesia, delicata e fluida...
    bravissima!
    gia
  • loretta margherita citarei il 28/05/2010 16:49
    bella sensazione descritta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0