PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vizio Impuro

Lascio che mi ispiri qualche nota timida
un tenero sbadiglio
un rintocco stonato..
e tu, abbandonata e lasciva,
pelle di vetro.
Non è passata un'ora
da quando quelle bianche dune
le vedevo percorse
da serpi blu, audaci.
Ha piovuto sul deserto..
sudore salato
su una lussuria dolce.

Chi mai ha osato chiamarlo peccato?

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • augusto villa il 20/09/2011 21:55
    È davvero bella e ben scritta, piaciuta! ----------------------------
  • Anonimo il 10/06/2010 16:51
    Beh, la poesia è scritta in maniera tale da suscitare forti emozioni nell'immaginare la scena "peccaminosa"! Ah ah ah! Brava!
  • Nicola Lo Conte il 07/06/2010 21:31
    Chi mai ha osato chiamarlo peccato?
    Hai ragione...
  • denny red. il 29/05/2010 00:36
    vizio impuro. ai capito.. la tipa non scherza... brava! bella poesia.
  • Tiziana La delfina il 28/05/2010 22:42
    bei versi scritti con grande maestria, i miei complimenti
  • Anonimo il 28/05/2010 20:58
    Qua bisognerebbe mettersi d'accordo sul vizio e sul peccato, ma sarebbe una cosa che esula dal contesto. Trovo la poesia molto bella e in grado di suscitare personali sensazioni.
  • loretta margherita citarei il 28/05/2010 19:49
    scritta benissimo, complimenti
  • Anonimo il 28/05/2010 19:36
    Poesia ermetica!?! Però giustamente Nico la trova Lasciva, languida ecc. però che brava questa Tipa Qualunque, veramente brava.
  • Nilla Qualunque il 28/05/2010 19:10
    non lo saprai mai...
  • Nico Orrù il 28/05/2010 19:07
    È un'ode al gelato per caso?
  • Nico Orrù il 28/05/2010 19:06
    Lasciva, languida, piccante, dolce, indolente... Grande!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0