username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Unni sugnu natu ju

"Unni sugnu natu jù.. lu suli nasci da lu mari..
L'aria sapi di zagara e di gelsumini 'nciuri..
Unni sugnu natu jù.. ancora la genti canta...
Ammenzu a milli prublemi.. non perdi mai la spiranza..
Unni sugnu natu jù c'è tantu 'ca non và..
Ma c'e' genti chiù cuscienti di canciari a società..
Poi abbasta lu cori ranni di 'nsulu cristianu...
Pì diri allu munnu 'nteru chistu è lu Sicilianu...
Unni sugnu natu jù.. t'arrusbigghiunu l'aceddi..
e la sira poi co scuru ancora si vidunu li stiddi..
c'e na luna ca t'arridi.. ranni e china di lustrura..
da sugnu natu jù.. na la Sicilia.. la mo terra..."

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Valentina B. il 30/05/2010 23:33
    Trovo il siciliano una lingua molto musicale, e anche se la capisco solo complessivamente, trovo questa poesia bella e originale...
    Grazie per il tuo commento, un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0