PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Impotenza

Per troppo amore, forse, non so più amarti,
non trovo più le parole giuste,
i gesti adeguati.
Impotente vedo consumarsi
il grande fuoco che accendemmo
col primo bacio, la prima carezza audace.
L'ardore inespresso evapora dal mio essere
in un velo di tristezza, dietro cui celo
mute domande esistenziali.

Ancora non m'arrendo,
ancora m'immergo nella profonda laguna
del tuo sguardo,
alla ricerca del tuo cuore pulsante
schiumoso di linfa vitale,
Graal di salvezza
a cui abbeverare la mia anima assetata.

Ma è un boccale di fresca acqua trasparente
che mi ritrovo tra le mani,
con cui brindare,
rassegnato,
alla nostra nuova, casta amicizia.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 29/05/2010 14:34
    Acqua trasparente e fresca che rimane di dolce ambrosia che rendeva
    immortale il nostro amore...

    Bella e triste Fabricio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0