PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Timido

Neofita volle dipingermi il viso
e quel palpito ansioso,
cangiando la mossa
a suo dire gelosa
in un placido ghigno
di Caravaggesco riposo.

È che l'amavo
di spasimo allegro
nell'ozio infinito
d'un morbido seno.
Mi perdo nel dire :
caverne d'amore,
notturno preistorico,
Leopardesco sognare.

La musica tiene
il fatidico pianto nel core
stringendo la corda
del poeta che scrive.
Allegro e Adagio
accompagnano insensate
dichiarazioni scritte
nelle galere degli occhi.
Nessuno sfugge alle fitte
del Beethoveniano scompenso.

Un sorriso che rulla
nell'Arno spigoloso
senza corte e bagaglio
ha risolto l'amore.
Puo nascere un Re
dal diletto di una donna,
una Leonardesca rotonda sorpresa.

Sotto questo portone
aspetto che ritorni
dalle tue battaglie di zitelle
ululando nell'egemone
contesa di risate moderne.

Serve da bere
o mia sveglia infernale.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 07/01/2014 10:29
    boh...
  • augusto villa il 23/01/2012 19:58
    Davvero notevole!... Bella ed elegantemente scritta...
    Complimenti!!! -----------
  • loretta margherita citarei il 30/05/2010 20:17
    fantastica, nello stile, nella ricerca dei vocaboli, super
  • ANGELA VERARD0 il 30/05/2010 11:45
    Poesia raffinata con toni d'altri tempi... costrutti ricercati degni dell'arte poetica e non semplicemente pensieri in versi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0