accedi   |   crea nuovo account

Mafia e ritorno

È nato al confino,
povero picciotto,
senza padre e tanti riccioli.
La lana lo ha cresciuto.
Sotto il ventre delle pecore
scimmiottava Davide.

Moriva di sole l'oracolo infame
sulla gran luce di paglia,
sterminato sudore.

Sei fratelli di masseria,
un padre all'Ucciardone,
una madre sottoterra,
quattro pali fanno un mondo
stropicciato dal sonno corto.

Sicilia ed essere, essere
un fumo che non si sa
come sia acceso e spento,
Nzu e Tummini chi li puo raccogliere.
Perchè l'isola finisce nello sguardo
che troppo vuole.

Davide cresce,
palermamente ignoto
si contrae il muscolo dell'onore.
Ammazzari, ammazzari,
pure il prete del paese
coi silenzi non lo volle negare.

A quelle sere in cui
le tue sorelle ti passavano
sotto il tavolo i mustaccioli
e tu con i denti delicatamente
le pizzicavi se ne vanno
gli ultimi ricordi coraggiosi
sotto quel casco nero
e la pistola tra le mani
nella morte tua distesa
tra la folla mattutina.

L'onore è vivo,
ma in prigione c'è uno
orgoglioso di avere
un figlio morto.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 18/10/2015 02:47
    bellissima... complimenti.
  • rosanna gazzaniga il 03/02/2012 22:27
    Una poesia che è la descrizione di un mondo forse ancora esistente. La chiusa è di una crudele verità! Intensa e bella, e amara! molto apprezzata, complimenti!

1 commenti:

  • salvo ragonesi il 21/03/2012 23:08
    mafia e non ritorno piu questa la cruda verita la giusta descrizione in questa poesia molto vera. salvo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0