PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rime all'insenso del senso tale

Quel sal che sparsi
all'aure
Quell'albe che venni
Dei fiori cari e giusti
che vennero di lì

Sia l'acqua piova
del nullo la cambiò
che l'onta del sovrano
del poi che mi nutrò

Col senno e coll'inganno
giocondo e turbe assai:
Giustizia e povertà
per incolumi comari

La Penna or si scrive
si vezzeggia a voluttà
Sì come l'erma foglia
che attende me in aldilà

Or poi chiudo in versi
la strofa senza senso
pudore e tormento
che il poeta scrisse a gesti
che poi mai provò.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0