PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tu la mia luce

I tuoi occhi
Hanno illuminato la mia vita
Come fari nella notte,
Tu, stella splendente del mio universo,
faro indiscusso del mio amore
guidi la mia vita fatta di emozioni
che si accendono al solo pensarti.
È vero che altro non potrà mai essere
Ma io ti sono grato lo stesso
Per aver illuminato la mia vita
Accendendo il mio cuore.
Sei e resterai la mia luce.

 

2
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/08/2013 06:15
    Apprezzata... complimenti.
  • Valentina Corbani il 29/11/2012 10:18
    Piaciuta molto: "sei e resterai la mia luce"!

7 commenti:

  • loretta margherita citarei il 01/06/2010 14:28
    molto dolce, bei versi
  • francesca cuccia il 01/06/2010 13:06
    L'amore, la luce dentro e intorno.
    Piccola, grande, immensa ha il suo valore unico.
    Bellissima Clem.
  • clem ros il 01/06/2010 12:49
    Grazie Loreta ma io credo anche che se pur labile fiammella, chiunque abbia avuto la fortuna di farsi illuminare il cuore, la conservi per l'eternità, senza rimpianti per quello che è stato. La differenza fra le persone con l'animo sensibile e non, sta nel fatto che quella debole fiammella alimenta le emozioni da cui poi scaturiscono parole che per alcuni sono pura poesia, per altri il farneticare di un folle.
  • Anonimo il 01/06/2010 12:43
    Essere luce nella cecità, nell'oscurità della vita, significa ridare senso a ciò che non l'aveva, rischiarare le tenebre. L'amore perduto è luce che impetosa cede all'ombra. Malinconie, quali maledizioni trapassano il cuore e lacerano dentro. E nel precipizio la vertigine. Memoria del passato fende l'aria con i suoi spiragli di vita trascorsa: logore fotografie che l'oblio ha consumato, solcando pesanti tracce nel profondo. Il rimpianto di ciò che inenarrabile giacerà nel fondo. Che sarà di ciò che siamo stati e delle passioni?
    Spogli del nostro Io, ci lasceremo vivere con la morte nel cuore, consapevoli di non aver mai esperito l'Amore.
    Versi malinconici, veritieri, molto apprezzati.
  • laura marchetti il 01/06/2010 12:42
    una bellissima luce di... dedica!!!
  • clem ros il 01/06/2010 11:07
    Nella vita si hanno sempre dei rimpianti, qualche mia lettera te ne darà conferma Ely.
    Ma sai io sempre assertore del fatto che... meglio essersi conosciuti che non averlo mai fatto.
  • Elisabetta Fabrini il 01/06/2010 11:04
    che bella!! forse un rimpianto Clem??

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0