PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Coscienza nei misteri di Parigi

Sferragliando una vecchia carrozza attraversa su un ponte di legno

l'Alba

l'aria è magicamente
frizzante

dai forni
un profumo di croissant
sale scendendo
nelle acque nere della Senna

la città della scheletrica Torre ad effetto dell'Arco di Trionfo dei Campi Elisi ancora assopita nelle Sue luci

misteriosamente

ladri rubano da morti musei
meravigliosi capolavori pittorici

dorme

rovesciando
sulle spalle a bottiglia di un ultimo clochard

Affettuosi Sogni d'Amore

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 03/06/2010 13:29
    È una Parigi nascosta e romantica quella dell'alba descritta da Vincenzo, che si contrappone a quella caotica e turistica che tutti vediamo durante il giorno. Con ancora nel naso l'odore dei croissant.
    Come al solito magistrale
    Giuseppe
  • laura marchetti il 02/06/2010 09:37
    bellissima!!! profuma di cornetti caldi
  • Antonietta Mennitti il 02/06/2010 08:19
    Sembra una fiaba questa poesia Vincent. Hai una immaginazione unica e rara. Bravo.
  • Anonimo il 02/06/2010 01:09
    "...
    dai forni
    un profumo di croissant
    sale scendendo
    nelle acque nere della Senna
    ...
    dorme
    ...
    Affettuosi Sogni d'Amore"
  • giuliano cimino il 02/06/2010 00:26
    u misto d'immagine, dolci tenebrose affascinanti oscure e cupe come Parigi.. ma anche eterne..
  • - Giama - il 01/06/2010 23:46
    immagini affascinanti, una bellissima scena vista quasi di persona!

  • Anna G. Mormina il 01/06/2010 20:51
    ... la città è ancora assopita ma, mentre molti dormono ancora, altri stanno lavorando (io, il profumo dei croissant, ogni tanto me lo sogno...), alcuni ne approfittano per rubare, indisturbati, grandi capolavori e un clochard, sogna l'Amore... spendida poesia Vincenzo!!!!
  • cesare righi il 01/06/2010 18:00
    Vince, non ho parole, per un attimo mi sono ritrovato in quei
    rumori, profumi, puzza, capolavori. In viaggio verso Giverny ed un passato che devo, anzi dobbiamo io e Cmia tornare a vivere...
    grazie, non ti metto le stelle perchè con questa sei oltre... ma che bella!!!
    ciaociao
  • Don Pompeo Mongiello il 01/06/2010 17:03
    Romanticismo di tempi iti e grazie a te di nuovo vissuti. Complimenti davvero!
  • karen tognini il 01/06/2010 16:08
    Meravigliosa poesia... misteriosa... dal fascino romantico..

    Bravissimo.. Vi...
    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0