PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Due giugno 1946

Quanno
la savoiarda bandera
ammainata
fia,
lo re Umberto
co' lo suo fagottino
et arta dignitade
lo stival
lassar
per lidi esul
approdar.
Mentre
tra le disumane grida
de le genti scalmanate
lo tricolor repubblicano
issato
fia.
Ma quello
ideal tanto bramato
neanco
co' la seconda repubblica
realizzato
nun est.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 27/07/2010 15:34
    bellissima
  • Nicola Lo Conte il 04/06/2010 10:08
    Mi è piaciuta...
  • cesare righi il 03/06/2010 18:03
    ... siamo già al caffè... Vince'

    bravo Don dal Caesar ritrovato un plaudo alla tua liberazione
  • francesca cuccia il 03/06/2010 17:20
    Grande verità, sempre unico e bravo Don.
  • alice costa il 03/06/2010 15:51
    .. bellissima Don!!!!!!!!!
  • Dolce Sorriso il 03/06/2010 12:22
    sei grandeeeee
    piacitaaaaa
  • laura marchetti il 03/06/2010 10:31
    è già... peccato che c'è chi ci ha creduto e donato la vita... bravissimo
  • Vincenzo Capitanucci il 03/06/2010 09:39
    I Savoiardi si sono sciolti in una tazza di caffè nero.. senza fare niente... e quando è tornato un po' di bianco libero latte... hanno pagato la colazione... facendo fagottino...

    Bravissimo Don... e ora che succede dove è il nostro pranzo?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0