PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Trobador

Quante volte ho preso una gomma di luna
un canto elastico
una scintilla di luce
per smettere di essere una trottola di sabbia

in vento

meditando
di cancellare le ombre delle mie albe note ed dei miei estetici tramonti

vivendo
a viso aperto

trotto là

nel giorno del Tuo sassoso feudo
misterioso di Sole

in estasi perenne senza più alte e basse
maree di monti

nel tromba d'or di Cieli in Terra

un ascensore divino

fulmineo
grazie all'intervento di Una morra cinese

catapultata nel gioco da Una rovente carta in forbice eterna

un uomo con mani celesti e piedi terrestri legati insieme
può solo sibilando rotolare

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 04/06/2010 14:23
    ... un uomo, su questa terra, può solo sibilare, rotolare... grande Vincenzo!!!!
  • Antonietta Mennitti il 04/06/2010 10:49
    Me la spieghi pure a me? Pardon Vincent!
  • cesare righi il 03/06/2010 15:11
    letta velocemente e molto apprezzata, mi ha fatto sorridere perchè ho sbagliato nel leggere il titolo:
    IL TROmBADOR avevo letto... Vincenzo...
  • Elisabetta Fabrini il 03/06/2010 13:06
    magari poi me la spieghi... ahaha, scusami ma io ho i miei limiti!! Un bacio (di scuse)
  • karen tognini il 03/06/2010 11:53
    STUPENDA... sempre unico...

    Vi... magico...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0