username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Già cotto e mangiato

Sulla spianatoia la farina
faceva da cornice
agli occhi gialli delle uova
che la mano impastava veloce
e come bambini ribelli,
cercavano di scappare.
Abili e veloci carezze di mani
che, nel vortice della passione,
diventavano sempre più impetuose
trasformandosi in schiaffi.
La pasta diventava liscia e tonda
veniva sbattuta e poi stesa,
come un pugile al ring.
Il matterello come bacchetta fatata
trasformava la palla di pasta
in una tela sottile, elastica, tonda
e profumata, come una tela di lino.
Dondolava dalla spianatoia,
prima di essere tagliata,
fra nuvole di bianca farina.
Impietoso il coltello veloce la tagliava,
muovendosi abilmente,
come un pianista sui tasti
ed uscivano fuori note, al ritmo
di una danza impressa dal battito
del coltello affilato sulla spianatoia.
Per magia quella tela
si trasformava in stelle filanti
di tagliatelle, in coriandoli di quadrettini,
in tutte le forme più strane.
In grossi quadrati che venivano piegati
e riempiti di carne, i cappelletti,
ma solo per il Natale.
Ma la soddisfazione più grande
era mangiarli da crudi, di nascosto,
nascondendoli dentro il palmo della mano,
sotto il tavolo, fra le gambe
delle sedie e delle persone,
tra le voci del tempo che profumava
di cose sincere e sempre buone
che venivano tuffate in acqua bollente
e condite con la semplicità,
la saggezza, la sapienza
ed i buoni sentimenti.
Il tempo di un tuffo,
in un passato,
già cotto e mangiato...

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 05/06/2010 10:56
    Il mio cuoco, se lo conosci nei miei racconti fiabe, come - La parmasagna, ti premierebbe di sicuro. Brava davvero!
  • Anonimo il 04/06/2010 13:12
    Certo che uno come me che fa la pasta in casa questa poesia se l'è proprio gustata... mirabile quadretto... per te bei ricordi... per me la quotidianità.
  • Anonimo il 04/06/2010 12:47
    Slurp... allora m'inviti a degustare? Sei geniale, quanto imprevedibile... non avevo mai fatto caso all'eros che si sprigiona nell'impastare la farina... Bella e tu unica Laura!
    Al
    dsipb
  • tania rybak il 04/06/2010 11:22
    bellissima e genuina, brava
  • Manuela Magi il 03/06/2010 23:19
    Appetito nostalgico.
  • - Giama - il 03/06/2010 23:00
    bellissima... riesci a farmi rivivere momenti di casa, momenti della mia vita in modo incredibile... te l'ho detto io che mi faccio una raccolta!

    ciao gia
  • Dolce Sorriso il 03/06/2010 22:27
    bellissima questa tua... profuma di te
    bravaaaaaaa
  • Elisabetta Fabrini il 03/06/2010 22:13
    Il profumo dei ricordi... che bello! Concordo con Salva, sono veramente belle le tue opere... bravissima
  • Salvatore Ferranti il 03/06/2010 21:57
    che splendida opera... laura, le tue poesie potrebbero diventare racconti. delle storie che ci affascinano sempre di più...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0