accedi   |   crea nuovo account

Prismatica... mente

Osservo
i granelli,

migliaia,
ticchettar
nelle mani,
scorrere fluenti,

vetrificati
modellati
dalla massa ardente
di pensieri insonni,
manipolatori,
cercatori di nuove forme.

Forme per giorni amorfi,
se non quelle della noia,
che lenta si mostra
agli occhi
figurando il suo rivoltante
aspetto.

Aspetto ardente,
fremente.

Prismatica... mente.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Donato Delfin8 il 15/06/2010 17:55
    Questa prismavera passerà e verrà un afosa estathè dai dai Simò
    pazienzola un po'

    piaciutissima
  • Maria Rosa Cugudda il 05/06/2010 14:13
    venata di tristezza, ma infinitamente profonda, apprezzata!
  • - Giama - il 04/06/2010 22:58
    Al di là del momento, devo dire che non manca mai il tuo prezioso estro.
    Alcuni passi, cito ad esempio le forme amorfe della noia, sono geniali!

    Complimentoni!

    Un caro saluto
    Giacomo
  • Anonimo il 04/06/2010 22:32
    Aspetto prismi di luci e colori... nuovi... fremente aspetto di uccidere la noia
    che si mostra con il suo rivoltante viso...

    Simo, versi bellissimi,
    mai letta una descrizione della "noia" così bella!!
  • Dolce Sorriso il 04/06/2010 21:01
    molto apprezzata
    bellaaaaaa...
    in bocca al lupo
  • loretta margherita citarei il 04/06/2010 20:13
    prismaticamente, guarisci presto!
  • karen tognini il 04/06/2010 19:54
    Bellissima... stai tranquillo... x ora non ti muovere.. ma stai sereno... le cose andranno bene!
  • Elisabetta Fabrini il 04/06/2010 18:52
    Attendi immobile che i giorni passino... che la noia svanisca... che qualcosa cambi intorno a te... non dubitare, i giorni passano, lenti, ma passano.. armiamoci di pazienza... Un abbraccio!
  • cesare righi il 04/06/2010 17:41
    che forza Simo, se non sapessi che sei "immobile" l'avrei capito da questa poesia...
    pensa quando tra 200 anni leggeranno le tue opere e chiederanno agli studenti la spiegazione di questa poesia...
    diranno:
    ma questo poeta del... non poteva farsi male il mignolo della mano!
    6troppo forte...
  • laura marchetti il 04/06/2010 15:59
    un momento di stasi... costretto a letto con la noia, la peggiore delle amiche... ma tu non ascoltarla, ascolta solo la tua poesia che ti prende per mano e da lei... ti porta via... resisti Simo!!! Bellissima ispirazione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0