accedi   |   crea nuovo account

Giugno

Giugno
è nù mese macchiaviell,
ll'piace e stà a cavallo
tra a Primmavera e ll'Estate.
Pò, all'impruvviso,
pigli'a decisione
e ffà scuppià o calore.

For'a Marina
s'affollano e lidi,
guagliuni e guaglione
s'abbronzan'o Sole.
Pe ll'aria ll'addore
e n'guenti e pumate,
oli solari,
canzoni, risate.

Belle figliole
cu e culi a fore,
zizze ammusciate
tenute annascuse.
Tanga, Toples,
uocchi n'cantati,
maschi arrapati
cu e slip gunfiat.

Sott'e m'brelluni
coppie scuppiate,
mimetizzate
con oscure lenti,
nun se perdono niente,
guardano e sbavano.

Dint'a stà pagina e Decamerone
nù tuffo ogni tanto
pe raffreddà i bollori;
pò,
se torn'a guardà.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Nico Posillipo il 10/09/2013 11:08
    hai descritto proprio una situazione davvero pittoresca.. complimenti mi sono immedesimato del tutto
  • Ezio Grieco il 24/06/2010 11:24
    Ciao Pasquale, Vincenzo, Lory; un grazie ed un bacione.
    cl
  • rea pasquale il 06/06/2010 15:17
    In quella terra martoriata, rimane solo, rifarsi gli occhi.
    Molto bella.
    Ciao
  • Vincenzo Capitanucci il 06/06/2010 14:55
    Simpatia e gioia di vivere... con occhi sgranati... parmigianati da incanto..

    Molto bravo Ezio... sognanti un De... camerone...
  • loretta margherita citarei il 06/06/2010 14:04
    simpatica, scherzosa, bello quando scrivi in dialetto, un bacione amico caro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0