accedi   |   crea nuovo account

Raptus

Si perde sorridente questa notte,
ma di un ghigno beffardo, sconsolato,
mi scivola lentamente addosso,
come sale sulle dita ferite..
Sussurra piano ai miei occhi,
li colma di ricordi vicini,
ma non così tanto..
Rimembra quel ragazzo gitano,
che sognava e sperava,
col fuoco di una tempesta tranquilla..
Lo cerca disperatamente, ma invano,
respinta da scudi di finzione,
sorretta da aride passioni..
Quindi fugge, si prostra lontano,
condannata a ritornar per sempre, come me,
per ritrovare il ragazzo gitano..

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • laura marchetti il 07/06/2010 09:15
    ti capisco, anch'io tante volte inseguo la bambina che abita dentro me... ma non la raggiungo mai, fugge veloce con il ricordo... bellissima poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0