username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Oggi sui tuoi occhi, ho visto la tua morte

Non sarà un'ombra
a ottenebrarti lo sguardo,
ma il riflesso lucente della morte,
che con mano seducente
ti sottrarrà il battito.
Così dolce è la morte?
Le mille morti Inflitte dalla vita,
sono state più dure, ti dirai,
e ogni volta per rialzarsi
era sempre più dura!
Quanti specchi deformati,
han riprodotto un'immagine irreale,
quante notti passate insonni,
a maledire figlia e madre,
e quei bocconi amari consumati con fatica
e facilmente rimessi?
I tuoi sogni, gli orgasmi
che la fantasia ti procurava
a immaginarti come cibo
per il tuo amante,
non ne sentirai più il bisogno,
perché oggi suoi tuoi occhi,
ho visto la tua morte,
dolce come una carezza,
e tu, senza fuggire,
gli chiedevi scusa.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Nenia Samael il 20/08/2010 18:25
    "a maledire figlia e madre"... MERAVIGLIOSO l'accostamento di parentela fra vita e morte!

    Questa poesia è davvero splendida... anche nel finale si sente una forte emozione...
  • tania rybak il 12/06/2010 22:57
    mentre noi piangiamo i morti, chi è morto meritandosi la vita eterna gioisce, perchè finalmente trova la pace vicino a Dio, bella riflessione Fabio, bravo
  • Anonimo il 10/06/2010 22:31
    Scusa per l'errore, Fabio...
    Volevo dire... come tu esprimi in tutte le opere...
    Un caro saluto.
  • Dolce Sorriso il 10/06/2010 21:47
    molto apprezzata... sempre bravissimo
  • francesca cuccia il 07/06/2010 22:34
    La fine é fine...
    Bellissima, bravo caro Fabio.
  • Anonimo il 07/06/2010 21:50
    Bravo, Fabio. Una bellissima poesia piena di sentimento. Un sentimento forte e composto come te esprimi in tutte le opere.
  • Salvatore Ferranti il 07/06/2010 21:19
    poesia molto bella davvero. complimenti... al bravo autore
  • vasily biserov il 07/06/2010 17:56
    quante morti viviamo ogni giorno... ormai ci siamo abituati, l'ultimma potrà apparirci solo come dolce. bella poesia... piaciutissima!!
  • loretta margherita citarei il 07/06/2010 16:34
    mi ha colpito per l'intensità e per la riflessione, bravissimo fabio
  • Tim Adrian Reed il 07/06/2010 15:24
    è molto bella, mi ha toccato profondamente.
  • Fabricio Luiz Guerrini il 07/06/2010 14:52
    Una poesia molto forte, dura. Non ho capito la relazione fra chi parla e chi muore, comunque fredda e clinica.
  • Anonimo il 07/06/2010 14:43
    Quante morti si sopportano, guardando nello specchio dell'anima si contano
    e nuove rinascite, la fine delle sofferenze sono sinonimo di speranza...

    bellissimi versi Fabio... stupendi oserei dire!!
    Un bacio
  • laura marchetti il 07/06/2010 14:03
    la morte come fine delle sofferenze... immagini molto forti e molto belle da leggere e rileggere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0