username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dalla Croce

Ti guardo veloce,
mentre ti muovi,
quando con le mani impasti il pane,
ti tocchi gli occhi con il dorso
della mano e poi rapida riprendi.
Splendi serena, come un'aurora
ed io ti ammiro,
io candela che mi consumo solo
con il pensiero.
Ti seguo quando con
minuta precisione, ti avvicini al banco
sorridi a chi ti chiede un consiglio,
una ricetta, la tua serenità.
Ti hanno già tirata giù dalla Croce,
un figlio diciassette anni,
sei morta un sabato pomeriggio,
ed io che ti chiedevo di quella gita.
Ti hanno portata via aggrappata ad un urlo,
ricordo, una coltellata dentro il cuore.
Sei sparita sul calvario,
avvolta dal freddo della notte,
ma poi sei risorta, sei tornata fra noi,
per insegnare a noi
che ci lamentiamo di niente.
Mi hai chiesto una dedica, mi hai
detto è come un fiore,
tu che mi hai insegnato che cos'è
l'amore.
Ti guardo veloce, mentre ti muovi
una bellezza intatta, mai scalfita dal dolore
è risorta la tua serenità,
hai una missione, portare avanti il cuore,
tuo figlio, quella stella, la più bella,
la più splendente e particolare
che ti parla
e che ti dice
- mamma continua a sorridere,
continua ad amare -

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • gianni castagneri il 27/03/2014 19:14
    meravigliosa e toccante, da brividi!!! bravissima!
  • Fabrizio D'Orazio il 08/06/2010 00:40
    non so come commentare... come ha gia' detto gia hanno detto tutto tutti

    complimentoni
  • - Giama - il 07/06/2010 22:27
    hanno detto tutto...
    ... non mi resta che applaudire!

  • Vincenzo Capitanucci il 07/06/2010 21:12
    Bravissima Laura... continuare ad amare... malgrado Tutto...

    Grandi Anime... mi riportato in mente... Rigoberta Menchu... premio nobel della pace
  • Salvatore Ferranti il 07/06/2010 21:09
    sei una poetessa nata. davvero splendide le tue opere che ci raccontano di te, e della tua vita...
  • clem ros il 07/06/2010 18:59
    ancora una volta estasiato dalla commovente descrizione di una morte innaturale. Brava, anzi bravissima.
  • Ugo Mastrogiovanni il 07/06/2010 16:49
    Continua ad affascinarmi la Marchetti; la sua licitità commuove, il suo linguaggio coinvolge come un respiro, i sui brani vivono nel nostro quotidiano e toccano il cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0