accedi   |   crea nuovo account

Storia

L'uomo dai capelli bianchi
guardava i tuoi morbidi fianchi,
e la fioca luce della luna 
ti rendeva bella come nessuna.
La gente, guardandoti arrossiva
pensavano di te come a una diva,
e mentre un'armonica suonava
tra di noi qualcuno si amava.
Il giorno dopo, al sole
noi allegri raccogliemmo viole,
e con i piedi nell'acqua della foce
si parlava dolcemente sottovoce.
Cupa tristezza, fuggente allegria
sogni svaniti e tanta nostalgia
come questa storia, che è un'illusione
perchè la vita, infondo, è una finzione.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • bruna lanza il 05/09/2012 07:31
    a volte fingere... nutre il cuore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0