accedi   |   crea nuovo account

ORA

NON VOGLIO CHE ACCADA
LA TUA VOCE È GIA' MUTATA,
IN UN SORDO LAMENTO
PIU' FORTE, PIU' INTENSO.

APPARI AI MIEI OCCHI
COME UN'ANIMA DAI MILLE ACCORDI,
CHE SUONANO CORDE TESE
MILLE VERSI E DAI COLORI ACCESE.

HAI IL VISO COME UN FIORE
CHE SI ILLUMINA DI SOLE,
MENTRE PENETRA IL MATTINO, DIVENTI BAMBINO.
POI LA VITA CHE SCORAGGIA,
E L'AMORE COME MANNA,
I TUOI OCCHI UN FIRMAMENTO,
LA TUA ANIMA IL CIELO SPENTO.

DOLCE E AMARO AMORE MIO
DAI E PRENDI DAL CUOR MIO,
E SE ORA POTESSI SFIORARTI,
CON UN BACIO VORREI ESPLORARTI,
IL TUO SANGUE, LE TUE VENE
ANCHE SENZA DOVER VEDERE,
ED ENTRARE NEL TUO PASSO
PER SALIRE SEMPRE PIU' IN ALTO,
DAL PROFONDO
E UN PO' PIU' IN SU
PER ANDARE
DOVE SOLO SAI PORTARMI TU.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Ivan Benassi il 28/07/2007 19:50
    L'amore é un soggetto... rischioso, tu hai il merito di non banalizzare.
  • Edmondo F. il 05/03/2007 23:32
    È una poesia bellissima! Non smettere mai di scrivere. Grazie.
  • loredana bassani il 28/02/2007 10:10
    grazie. non volevo rappresentare un incubo anzi semplicemente come vedo una persona che amo, anche quando le cose non vanno per il meglio. lo so, sono comunque un po' contorta...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0