username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Alla mia impulsività

Ho sempre cercato di dominarmi,
di dominarti,
tu, impeto ribelle
ti vedo con lo sguardo basso
e imbronciato,
all'angolo del capriccio
bambina, ma già
puledro selvaggio.
Ti ascoltavo,
con l'impeto dei vent'anni,
sbattere il pugno,
sul muro della vita
e quando impertinente
sei guizzata impetuosa
fuori, dalla ragionevolezza
degli schemi imposti,
e ti hanno licenziata in tronco.
Mi hai preso la mano
e mi ha fatto scrivere parole
di sangue,
di cui molte volte mi sono
amaramente pentita.
Mi parti da dentro,
non ti domino,
mi prendi corpo e mente,
a te mi lascio andare.
Ti vedo sopraggiungere,
ti sento da lontano e poi
quando sei vicina,
cado tra le tue braccia,
nel vortice
della tua passione,
sai già che sarò tua.
Un impulso innato e ribelle
come i ricci che mi riempiono il capo,
che non ti domina mai.
Spesso mi perdo dentro la tua morsa
e diventiamo complici,
amanti passionali,
consumiamo tutto troppo in fretta,
il piacere di uno sfogo
vulcano impetuoso e travolgente.
Poi mi libero,
e la ragione
mi riprende per mano...

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Dora Forino il 06/09/2013 14:02
    Bisognerebbe contare fino a mille, mettere in moto la ragione e mille volte mordersi la lingua prima di aprire bocca, prima di dire cosa si pensa senza pensarlo veramente. Per evitare di trovarsi a contare le infinite lacrime di fango "donate dall'impulsività".
    Ciao!
    Dora

  • tania rybak il 11/06/2010 10:09
    a chi lo dici, pure io cerco di dominarla, ma spesso è più forte di me... non so più cosa fare, mi sono liberata da tanti difetti, magari prima ero permalosa e ora no, ma quella è proprio tosta... certe volte dico o faccio delle cose e poi mi pento amaramente, vorrei che sparisse per sempre, vorrei essere più serena e ancora più paziente, ma questo vizietto mi appartiene da sempre, spero di riuscir dominare anche questo, che dio mi aiuti... cmq è molto ben scritta, grande Laura, baci
  • denny red. il 11/06/2010 03:51
    laura.. alla mia impusività, che parola!! ho sempre cercato di dominarmi, di dominarti, laura.. che parole!
    laura.. la chiusa è ok! sei in formissima!! bella poesia, brava!!
  • loretta margherita citarei il 10/06/2010 21:12
    vigore in questi versi, bella
  • Don Pompeo Mongiello il 10/06/2010 17:41
    Poesia impulsiva, ma nello stesso tempo contenuta e piacevole. Brava davvero!
  • Salvatore Ferranti il 10/06/2010 14:30
    cinque stelline. è vero che a volte dovresti saperti dominare... ma è difficile domare un carattere... molto intensa
  • Simone Scienza il 10/06/2010 13:39
    Il fascino della rabbia,
    dell'istinto primordiale
    animale che forza la gabbia
    della ragione,
    un ciclone
    senti arrivare
    dalle viscere di un'anima strapazzata,

    finchè non senti una voce
    "Datti una calmata"

    Come vedi Lally
    anche per me l'impulsi... vita
    non è una rarita

  • Vincenzo Capitanucci il 10/06/2010 13:02
    Bellissima Laura... pulsa il cuore di impulsività... d'Amore...

    un licenziato da sempre... lol..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0